Memoria: sappiamo fare i calcoli a mente?

Memoria: sappiamo fare i calcoli a mente?

Una recente ricerca francese ha messo in evidenza che con l’andare del tempo si perde l’abitudine e la capacità di eseguire calcoli a mente a causa dell’uso degli strumenti elettronici

da in Disturbi, Malattie, Memoria, Mente, Psicologia, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    memoria calcolatrice

    La nostra memoria ci può aiutare a mettere in atto diverse operazioni matematiche che vengono agevolate però anche dall’uso dei moderni strumenti elettronici come computer e calcolatrici. A detta di uno studio condotto dall’Istituto nazionale di statistica e studi economici francese la capacità di calcolo a mente si sta fortemente riducendo in seguito alle abitudini di oggi.

    Secondo gli ultimi dati a disposizione soltanto il 3% degli adulti è in grado di eseguire calcoli a mente, un segno chiaro di come la questione stia assumendo dimensioni importanti da non sottovalutare. In ogni caso secondo gli esperti tutto ciò non comporta particolari difficoltà nell’ambito dello svolgimento della vita quotidiana. Ci sono infatti calcoli che mettiamo in atto in maniera automatica e che ci permettono di valutare in modo molto semplice diversi situazioni.

    D’altronde, se anche si può parlare di una sempre più evidente tendenza a non utilizzare la memoria per eseguire le operazioni matematiche, si deve comunque distinguere questa tendenza dalla discalculia, che si caratterizza invece come un vero e proprio disturbo che non va sottovalutato.

    Ed è questo il punto debole della ricerca francese: il fatto di non aver praticato una vera e propria distinzione tra i due elementi.

    È vero che con il proseguire degli studi assistiamo ad un processo per cui ci si affida sempre più agli strumenti elettronici, ma il problema riguarda essenzialmente anche l’assenza della messa in atto di opportune ed efficaci strategie di allenamento. La soluzione sarebbe quella di introdurre anche nei percorsi di formazione un tipo di matematica che sia più correlata con le azioni quotidiane, in modo da allenare sempre la nostra mente.

    Immagine tratta da: ilsussidiario.net

    350

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN DisturbiMalattieMemoriaMentePsicologiaRicerca Medica Ultimo aggiornamento: Lunedì 01/03/2010 12:26
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI