Meldonium: effetti, cos’è e cosa cura

Meldonium: effetti, cos’è e cosa cura
da in Diabete, Farmaci

    meldonium cose e effetti cosa cura

    Meldonium: vediamo gli effetti sulla salute, cos’è e cosa cura. Questa sostanza sta facendo parlare molto in seguito all’annuncio della tennista Maria Sharapova, che ha spiegato di essere stata trovata positiva proprio a questo farmaco, inserito di recente nella lista dei farmaci proibiti da parte dell’Agenzia mondiale anti doping (WADA). Questo medicinale viene utilizzato da molto tempo per trattare patologie come il diabete, le cefalee e disturbi correlati all’apparato circolatorio. Si tratta di un farmaco molto diffuso soprattutto in Russia, ma in America la Food and Drug Administration non ha approvato la sua assunzione per uso clinico.

    Il meldonium, secondo quanto dichiarato dalla WADA, è un farmaco capace di migliorare la resistenza, di rendere più veloci i tempi di recupero, di superare al meglio lo stress e di attivare una migliore risposta del sistema nervoso. Per questo motivo l’uso di questa sostanza nello sport è vietato, perché gli atleti la potrebbero utilizzare per migliorare le proprie performances durante l’attività fisica.

    Per l’Agenzia mondiale che si è occupata della questione, quindi, l’uso di meldonium costituisce doping. Tra l’altro nello sport il meldonium viene utilizzato anche per coprire gli effetti dell’EPO, una sostanza dopante che verrebbe usata molte volte nel ciclismo.

    Il meldonium è stato prodotto originariamente in Lettonia negli anni ’80 dall’azienda farmaceutica Grindecks.

    Si tratta di una molecola scoperta da un ricercatore negli anni ’70, mentre studiava un prodotto capace di accelerare la crescita degli animali. Attualmente il farmaco è uno dei prodotti più esportati dal Paese e può essere acquistato nelle farmacie di molti Paesi del mondo, sotto forma di compresse o di iniezioni.

    In medicina viene utilizzato per il trattamento del diabete, di problemi al cuore come l’infarto miocardico e l’angina pectoris, dell’ischemia. Inoltre, secondo quanto affermerebbero alcuni studi, il meldonium potrebbe essere utilizzato anche per trattare malattie neurodegenerative e patologie broncopolmonari.

    Viene usato in particolare in Russia, ma il suo utilizzo è vietato in altri Stati, come quelli europei e quelli americani. Secondo chi ha scoperto questa sostanza, il meldonium non è stato creato per sostenere gli sportivi, ma i suoi effetti sullo sport sono stati scoperti immediatamente dai medici. Bisogna ricordare, però, che, nonostante i sospetti, fino al 31 dicembre 2015 la sostanza non era considerata proibita ai fini dei test contro il doping.

    475

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN DiabeteFarmaci
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI