Melanoma: il rischio aumenta a causa di tre difetti genetici

Melanoma: il rischio aumenta a causa di tre difetti genetici

Uno studio britannico, ha scoperto, dopo aver analizzato i campioni di sangue di circa 3000 europei, che alla base dell’insorgenza del melanoma vi sono tre difetti genetici

da in Cancro, Melanoma, News Salute, Pelle, Ricerca Medica, Tumori
Ultimo aggiornamento:

    melanoma difetti genetici

    Il rischio di melanoma, tumore pericoloso della pelle, aumenta a causa della presenza di tre difetti genetici. Precisamente, secondo ricerche statistiche l’aumento sarebbe di circa il 30%. Il melanoma, purtroppo, è il cancro che causa più morti in assoluto, confrontandolo con le altre neoplasie della pelle. L’insorgenza di questa patologia è collegata a vari fattori di rischio, come l’esposizione solare, lo stile di vita, e molti altri, ma secondo uno studio inglese alla base ci sarebbero dei difetti genetici.

    La ricerca è stata condotta da un gruppo di studiosi del Cancer Research, dell’University of Leeds e del consorzio GenoMEL per lo studio del melanoma, guidati dal dottor Tim Bishop. I ricercatori hanno analizzato i campioni di sangue di circa 3000 europei affetti da tale patologia, e confrontandoli con quelli di persone sane.

    I risultati dello studio, pubblicati su Nature Genetics, hanno sottolineato la presenza di alterazioni a livello genetico. Esattamente sono tre i geni portatori di questi difetti, i quali non sono coinvolti in nessuna delle caratteristiche già identificate come fattori di rischio per l’insorgenza del melanoma.

    Il primo gene, in cui è stato individuato il difetto, è MX2, il quale già conosciuto in quanto legato ad un’altra patologia, la narcolessia (malattia neurologica caratterizzata da eccessiva stanchezza e sonnolenza diurna). Il secondo, la cui presenza è importante nella riparazione del DNA (codice genetico) è l’ATM. Mentre il terzo gene coinvolto, CASP8, è responsabile nel controllo della morte programmata cellulare (apoptosi). Questi tre geni non risultano coinvolti in nessuno dei fattori di rischio dell’insorgenza della malattia, oramai conosciuti come il numero dei nei, o il colore della pelle.

    339

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CancroMelanomaNews SalutePelleRicerca MedicaTumori
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI