Medicina non convenzionale: le cure omeopatiche

da , il

    Delfini

    Quando si parla di omeopatia si pensa spesso a qualcosa di naturale che di sicuro non puo’ fare male e che forse fara’ del bene. Ma dietro alle cure omeopatiche c’e’ un percorso scientifico parallelo a quello della medicina convenzionale, che merita di essere conosciuto.

    Il metodo omeopatico e’ stato formalizzato nel XVIII secolo da Samuel Hehnemann, il quale ne defini’ sia il metodo terapeutico, chiamato tutt’ora “Legge dei Simili” che l’uso medicinale delle “Dosi Inifinitesimali”. Quando defini’ la Legge dei Simili Hahnermann stabili’ che la somministrazione a un soggetto malato di una sostanza che riproduce in un uomo sano pari sintomi di una determinata patologia ha effetti curativi. L’effetto della cura si basa sulla capacita’ di un individuo di reagire tramite stimolazione con reazioni di difesa e di riequilibrio dell’organismo, tramite una guarigione naturale.

    I medicinali che sono somministrati in omeopatia sono medicine di origine naturale, che possono venire dal mondo dei minerali, delle piante o degli esseri animati. Queste sostanze sono tutte testate clinicamente e distribuite con dosi di somministrazione sperimentata e attestata.

    La tecnica della somministrazione e’ in soluzione scalare, con diluizioni progressive, e in dosi infinitesimali, restando cosi’ atossico e non soggetto a effetti collaterali. Non esiste un solo criterio di valutazione delle cure farmacologiche omeopatiche ma ben due:il criterio Unitario, cioe’ relativo ai medicinali che contengono una sola sostanza e il criterio Complesso, relativo ai medicinali che contengono piu’ di una sostanza.

    Uno studio recente condotto dall’Universita’ di Berlino alla fine del 2005 e reso pubblico nel 2006 grazie a BMC Public Health, dimostra che nel periodo successivo al trattamento omeopatico su 3981 pazienti sottoposti a osservazione si sono riscontrati notevoli ed importanti miglioramenti nella qualita’ della vita di adulti e bambini con patologie croniche.

    In Italia le scuole di formazione per medici omeopati che sono iscritte regolarmente alla FIAMO, Federazione Italiana Medicina Omeopatica, sono 18. Per diventare omeopata e’ indispensabile frequentare 3 anni di studio di materie standard, che sono le stesse per tutta Europa. Le scuole italiane piu’ famose sono di seguito elencate, altre informazioni sul sito internet http://www.fiamo.it/scuole.htm .

    SCUOLA DI MEDICINA OMEOPATICA DI VERONA

    Direttore Accademico: Dott.ssa Raffaella Pomposelli

    Via Bacilieri, 1A – 37139 Verona – ITALY

    Phone +39 045 8905600 – Fax +39 045 8901817

    cellulare 329.4744580 (dal lunedì al venerdì 8,00-13,00)

    Email info@omeopatia.org – www.omeopatia.org

    ACCADEMIA OMEOPATICA SARDA

    Scuola di Medicina Omeopatica

    Dir. Ac.: Dr. Antonio Abbate

    Via Dante, 228 – 09128 Cagliari

    tel 0335.8417929 – fax 070.660702

    e-mail: accademiasarda@fiamo.it

    C.D.O – CENTRO DI OMEOPATIA

    Dir. Ac.: Dr. Roberto Petrucci

    Viale Ca’ Granda, 2 – 20162 Milano

    tel/fax 02.6425406

    e-mail: r.petrucci@centrodiomeopatia.it

    e-mail: asterias@asterias.it

    Sito web: http://www.asterias.it/ http://www.centrodiomeopatia.it/

    Federazione Italiana delle Associazioni e dei Medici Omeopati – Dipartimento Scuola Formazione Insegnamento

    via C. Beccaria 22 – 05100 Terni

    Presidente: Dr. ssa Antonella Ronchi

    Tel.: 0744-429900

    Fax: 0744-429900

    e-mail: omeopatia@fiamo.it

    sito web: www.fiamo.it