Matrimonio: il segreto nel sorriso

Matrimonio: il segreto nel sorriso

Il matrimonio nasconderebbe il segreto del suo successo nel sorriso: tanto più sorridiamo e tanto più durerà, ma non solo: secondo i ricercatori, andare a guardare nelle foto dell'infanzia, aiuta a prevedere se il nostro matrimonio sarà felice e duraturo oppure no

da in Felicità, Primo Piano, Psicologia, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    Matrimonio

    Il matrimonio basa la sua probabilità di durare e di essere condotto con linearità e serenità sulla purezza del sentimento e sulla correttezza e il giusto ruolo delle parti, ma per sapere se il proprio matrimonio durerà oppure no nel tempo ci sono delle armi aggiuntive che descrivono, si potrebbe dire il un “click” il destino dell’unione. Si tratta di fotografie. Nel vero senso della parola.

    Se in casa ci sono degli album di famiglia, andate a prenderli immediatamente e sfogliateli. In essi troverete, guardando le foto racchiuse, immediate risposte alle domande che vi state ponendo in merito alla vostra unione matrimoniale.

    Dalle foto si vede come siete stati fin da piccoli e come siete cresciuti, dai sorrisi e dagli sguardi potete capire quelle che sono le vostre predisposizioni affettive e con chi eravate meglio predisposti e così via fino al matrimonio.

    Statisticamente è dimostrato che più il sorriso è intenso e meno sono alte le possibilità di incappare nel divorzio: la persona che è motivata al sorriso e cerca di rendere edulcorata la realtà riesce a trovare soluzioni ai momenti critici all’interno della coppia. Ma non basta.

    Secondo un gruppo di ricercatori della DePauw University dell’Indiana, infatti, un gruppo che ha condotto una ricerca coinvolgendo 650 persone messe sotto osservazione, pubblicata di recente sulla rivista Motivation and Emotion, dal confronto delle foto di famiglia dei volontari risulta che i bambini che da piccoli hanno un sorriso brillante sono tre volte tanto certi di avere successo anche nella loro vita matrimoniale.

    Le immagini sono tratte da BlogSpot

    373

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN FelicitàPrimo PianoPsicologiaRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI