“Mani fredde e cuore caldo?” – “Dipende!”

“Mani fredde e cuore caldo?” – “Dipende!”

Il calore delle estremità del corpo indica quanto siamo redisposti alla socievolezza: il detto "Mani fredde e cuore caldo" potrebbe perdere così il suo senso originale e venite stravolto

da in Benessere, Febbre, News Salute
Ultimo aggiornamento:

    Accaldato

    Avere caldo ogni tanto può portare a dei vantaggi: non è più vero, almeno secondo quanto emerge dalla ricerca di Yale, che avere le mani fredde vuol dire avere il cuore caldo. La scienza ha dimostrato infatti come il calore si trasformi in qualcosa di più di semplice temperatura: diventa un mezzo per esprimere il sentimento.

    Avere caldo dunque serve per diventare più empatici e più relazionali, aiuta a stabilire una relazione con il prossimo più calorosa, appunto, e a cercarlo come persona da “toccare” e da avvicinare. Con un temperamento come si usa dire ” Mediterraneo”.

    L’Università di Yale ha dimostrato che è sufficiente misurare la temperatura delle estremità del corpo per stabilire il grado di relazionalità delle persone: più sono fredde le mani, o i piedi, meno le persone saranno predisposte a socievolezza e compagnia.

    Anche fare piccoli gesti come tenere in mano la tazza del the o un cubetto di ghiaccio possono essere importanti: nel primo caso per diventare più espansivi e aperti, nel secondo caso per diventare indisposti e chiusi.

    Il caldo, infine, predispone a ottimismo e generosità, mentre il freddo stimola l’attività cerebrale in modo da causare dei problemi di chiusura nei confronti dell’altro, da cui possono nascere anche dei problemi relazionali.

    Foto da: Natura Mediterraneo

    278

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereFebbreNews Salute
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI