Mangiare meno con il rosso a tavola che inganna il cervello

Mangiare meno con il rosso a tavola che inganna il cervello

Una ricerca svizzera ha dimostrato che usare il rosso a tavola spingerebbe a mangiare di meno

da in Alimentazione, Cervello, Dieta, Dimagrire, Psicologia
Ultimo aggiornamento:

    mangiare meno rosso a tavola

    Mangiare meno si può, magari ricorrendo a specifici stratagemmi. Fra questi non possiamo non segnalare l’uso del rosso a tavola, per la tovaglia o anche per le stoviglie. Il colore in questione infatti contribuirebbe in maniera sostanziale ad ingannare il cervello, facendo evitare di mangiare molto. Il colore rosso infatti porterebbe ad avere meno voglia di ingerire del cibo o di assumere bevande gassate e ricche di alcool. A dimostralo è stato uno studio condotto dagli esperti dell’Università di Basilea.

    Per arrivare alla conclusione e capire cosa succede nel nostro cervello quando vediamo il rosso, gli studiosi hanno coinvolto 109 individui. A questi sono state servite delle ciambelle su piatti di differenti colori: rosso, blu e bianco.

    Si è potuto così riscontrare che in media le persone che aveva utilizzato il piatto rosso avevano mangiato metà rispetto altri.

    Lo stesso discorso può valere per le bibite dolci e gassate: chi sceglieva bicchieri rossi beveva il 40% in meno rispetto a chi invece optava per i bicchieri blu. Il rosso in sostanza sarebbe in grado di condizionare la nostra mente.

    Naturalmente i risultati della ricerca vanno considerati con cautela, anche perché ci sarebbe la necessità di prendere in considerazione più persone e di effettuare degli approfondimenti sulla questione.

    In ogni caso la ricerca ha aperto prospettive interessanti, da tenere in considerazione nel momento in cui si decide di creare tutte le condizioni adatte a perseguire una dieta.

    287

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneCervelloDietaDimagrirePsicologia
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI