Malattie rare: al Bambin Gesù prima stanza per l’epidermolisi bollosa

Malattie rare: al Bambin Gesù prima stanza per l’epidermolisi bollosa

E' stata attivata all'ospedale Bambino Gesù di Roma la prima stanza al mondo per garantire una degenza il più possibile agevoleper i bambini colpiti dall'epidermolisi bollosa, una malattia rara che causa lesioni continue, anche dopo piccoli traumi da sfregamento, alla pelle

da in Bambini, In Evidenza, Malattie, Malattie rare
Ultimo aggiornamento:

    Al Bambim Gesù prima stanza al mondo per bambini con epidermolisi bollosa

    Si segna un altro motivo di eccellenza dell’Italia nella lotta alle malattie rare: al momento, infatti, l’unico caso al mondo di stanza di degenza studiata appositamente per i piccoli malati di epidermolisi bollosa si trova all’ospedale Bambino Gesù di Roma.

    In Italia i bambini colpiti da epidermolosi bollosa ereditaria sono oltre mille, 50 casi ogni milione di neonati. Questa malattia, anzi questo gruppo di malattie genetiche rare, è caratterizzato da una eccessiva fragilità dell’epidermide e delle mucose, su cui, in seguito a traumi anche minimi, compaiono bolle e lesioni.

    Nelle forme più serie (distrofiche e giunzionali) è alto il rischio di infezioni e di complicanze a carico anche degli organi interni, con conseguenze a volte letali, mentre nelle forme meno gravi le lesioni tendono a diminuire con la crescita del bambino, limitandosi col tempo solo alle aree più facilmente esposte ai microtraumi (mani, piedi, ginocchia, gomiti).

    I bambini che soffrono di questa malattia rara, chiamati anche bimbi “farfalla” proprio per la delicatezza estrema della loro pelle, vanno continuamente medicati, per ridurre il rischio di infezioni delle lesioni. Ma per permettere loro di vivere meglio si devono ridurre al minimo il pericolo di traumi anche piccoli.

    Esistono alcuni accorgimenti in tal senso e la stanza creata al Bambin Gesù ne è il primo esempio al mondo, a livello ospedaliero.

    Tutti gli interruttori, da quelli elettrici, alla chiamata per l’infermiera, fino all’apertura dei rubinetti e delle finestre, sono a fotocellula: così i bambini più grandicelli possono muoversi in autonomia.

    I materassi sono studiati per ridurre il rischio di piaghe, la biancheria è in seta e priva di cuciture e tutti i mobili sono privi di spigoli e non manca una vasca da bagno con sportello, all’ozono, che aiuta a favorire la guarigione delle lesioni attraverso un idromassaggio delicato.

    Una possibilità, per i piccoli degenti in cura, seguiti da equipe specializzate, di sentirsi anche da un punto di vista psicologico meno schiavi della malattia.

    Immagine tratta da: Consorzioparsifal.it

    422

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BambiniIn EvidenzaMalattieMalattie rare
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI