Malattie rare: a rischio il centro italiano per le angiodisplasie

Malattie rare: a rischio il centro italiano per le angiodisplasie

Rischia la chiusura il principale centro italiano, che richiama a Garbagnate Milanese pazienti da tutto il mondo, per il trattamento delle angiodisplasie, un gruppo di malattie rare dei vasi sanguigni

da in Malattie, Malattie rare, News Salute, Primo Piano, Vasi sanguigni
Ultimo aggiornamento:

    A rischio il centro italiano per le angiodisplasie

    Si trova in provincia di Milano, per la precisione a Garbagnate Milanese, il centro d’eccellenza a livello nazionale, per il trattamento delle angiodisplasie, malattie rare e gravi, caratterizzate da malformazioni dei vasi sanguigni, con frequenti emorragie. Un centro importante che potrebbe, però, presto i chiudere i battenti.

    La Direzione Generale dell’Ospedale Salvini ha, infatti, comunicato l’intenzione di inglobare il reparto Below di chirurgia vascolare, dove viene trattata l’angiodisplasia, all’interno dell’ortopedia, a partire dal prossimo 17 maggio.

    Non una vera chiusura, quindi, ma un accorpamento che, però, equivarrebbe alla condanna a morte del centro, secondo Vera Puoti, referente dell’Associazione Italiana Angiodisplasie: “In realtà è una chiusura i medici e i pazienti saranno costretti in locali non adatti, con solo 15 posti letto, assolutamente non sufficienti per coprire le richieste che vengono da tutta Italia e anche dall’estero”.

    Anche i bagni saranno promiscui tra uomini e donne e le barriere architettoniche esistenti non consentiranno il passaggio delle carrozzine. E non si tratterà solo di problemi di spazio, come preannuncia il direttore del reparto, il dottor Raoul Mattassi: “Prevedo una fuga dei nostri infermieri che non sono disposti a lavorare in condizioni così difficili”.

    Un duro colpo per i pazienti che arrivano al centro da tutto il mondo per sottoporsi a operazioni ripetute di chirurgia vascolare, attualmente l’unica terapia per le angiodisplasie. Per loro si prospettano liste di attesa sempre più lunghe: “La degenza normale è di circa una settimana per effettuare l’operazione, ma ci sono casi difficili che necessitano di molto più tempo. Inoltre i pazienti devono tornare più volte, e in queste condizioni non si riuscirà a far fronte alla domanda” sottolinea ancora Vera Puoti.

    A nulla sembra valsa, quindi, la petizione condotta dall’Associazione Italiana Angiodisplasie, con una raccolta di migliaia di firme e neppure le rassicurazioni arrivate il 22 aprile da Roberto Formigoni. Ma da più parti si sollevano cori di disapprovazione, come quello di Corrado Stillo, responsabile dell’Osservatorio per la Tutela e lo Sviluppo dei Diritti dell’Associazione “Giuseppe Dossetti: i Valori – Sviluppo e Tutela dei Diritti”: “Sembra impossibile che l’Assessore alla Sanità della Regione Lombardia, Luciano Bresciani, per risparmiare sullo stipendio di poche unità di infermieri, faccia morire un’area di rilevanza sovranazionale e di importanza fondamentale per numerosi pazienti quale il Below di Garbagnate Milane”.

    Ancora una volta, quindi, a rimetterci potrebbero essere i pazienti, in particolare quelli già più sfortunati perché colpiti da malattie rare che, proprio per la loro relativamente ridotta diffusione, vengono spesso “accantonate” dalla ricerca e dalla medicina. Ci uniamo al pensiero di Corrado Stillo: “Ci auguriamo che il tanto decantato modello sanitario della Lombardia non vada a colpire e penalizzare i malati rari, ridimensionando uno dei centri di eccellenza che in Italia è all’avanguardia per il trattamento della angiodisplasia”.

    563

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN MalattieMalattie rareNews SalutePrimo PianoVasi sanguigni
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI