Ma quanti tipi di mal di schiena esistono?

da , il

    tipi-di-mal-di-schiena

    Quanti di noi hanno sofferto almeno una volta nella vita di mal di schiena? Il dolore alla schiena è causato frequentemente dallo stress a cui la colonna vertebrale viene sottoposta. Questo stress può essere dovuto a stiramenti dovuti al sollevamento di pesi, movimenti maldestri o traumi sportivi, ma può essere dovuto anche a colpi di freddo o posture sbagliate assunte soprattutto durante la giornata lavorativa. La nota positiva è che in questi casi qualche giorno di riposo e qualche piccola accortezza sono sufficienti a far sparire o attenuare il dolore.

    Benché la forma più diffusa e conosciuta di mal di schiena sia quella che colpisce la zona lombare della nostra colonna vertebrale è bene sapere che esistono vari tipi di disturbi: alcuni colpiscono la zona cervicale in questo caso la zona interessata è quella del collo, altri quella dorsale, corrispondente alla parte toracica.

    Il mal di schiena è sì fastidioso, ma non impossibile da alleviare: sono molti infatti i rimedi consigliati per contrastare il mal di schiena che vanno dall’esercizio fisico, passando per una corretta postura, fino alla termoterapia, rimedio utile per i dolori muscolari grazie alle proprietà terapeutiche del calore. Ma prima di provare il rimedio più adatto scopriamo nello specifico come si differenziano i tre tipi di mal di schiena più diffusi, le cause e i sintomi.

    Per testare i vantaggi della termoterapia clicca qui.

    Mal di schiena cervicale

    Il mal di schiena cervicale è quello che colpisce la zona del collo e delle spalle e può interessare la zona compresa fra le prima 7 vertebre della nostra colonna.

    Il dolore alla cervicale, chiamato tecnicamente cervicalgia, può essere causato da colpi di freddo o movimenti buschi, sforzi eccessivi, diminuzione del tono muscolare in genere causato da inattività fisica, uso di cuscini o materassi non adeguati che provocano posture scorrette durante il sonno, stress psicofisico o postura scorretta.

    Il dolore alla cervicale può estendersi a braccia e spalle ed è un disturbo che si manifesta spesso con formicolii, rigidità del collo, intorpidimento degli arti, torcicollo e in alcuni casi, può provocare difficoltà nei movimenti e capogiri.

    Mal di schiena dorsale

    Il mal di schiena dorsale o dorsalgia, colpisce specialmente la regione alta del dorso, dietro le spalle o tra le scapole si può avvertire dalla base del collo fino all’ultima costola e pur essendo meno frequente della cervicale o del doloro lombare è altrettanto fastidioso. È più facile avvertirlo quando si ruota o si piega il torace, mentre si gira o inclina il collo, durante la respirazione profonda o durante i colpi di tosse.

    Le cause della dorsalgia possono essere molteplici. Nella maggior parte dei casi se il dolore è lieve si risolve nel giro di pochi giorni anche se è necessario ammettere che è difficile identificare una causa alla base di questo tipo di dolore. Può spesso dipendere da contratture muscolari legate a posture scorrette oppure da eccessivi sforzi muscolari che coinvolgono la parte alta della schiena.

    Mal di schiena lombare

    Il mal di schiena lombare o lombalgia, è il più diffuso ed è trasversale, colpisce uomini e donne di tutte le età. Purtroppo a quasi tutti nel corso della vita può capitare di soffrirne. Le cause vanno dal più banale sforzo alla degenerazione dei dischi intervertebrali dovuta all’invecchiamento, dalle ernie all’artrosi. Il mal di schiena lombare è molto diffuso perché (nelle forme meno gravi) è dovuto principalmente all’errata abitudine di rimanere nella stessa posizione per molte ore, problema a cui moltissimi lavoratori in particolare i videoterminalisti, sono sottoposti. Stare sempre nella stessa, scorretta, posizione infatti può provocare contratture e tensioni muscolari dolorose. Il dolore si concentra in particolar modo nella bassa schiena perché è quella che sopporta tutto il peso corporeo. Anche in questo caso influiscono come per la cervicale, cause quali movimenti bruschi, colpi di freddo ecc. Ed ecco che, da un mattino all’altro, ci si ritrova improvvisamente bloccati dal dolore, impediti nelle normali attività dal cosiddetto colpo della strega, che in alcuni casi può irradiarsi dalla zona lombare verso i fianchi e i glutei impedendo il normale svolgimento delle attività quotidiane.