NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Longan: proprietà, benefici e controindicazioni

Longan: proprietà, benefici e controindicazioni
da in Mangiar Sano

    Longan

    Il longan è un frutto dalle molte proprietà: si tratta, infatti, di un alimento in grado di apportare numerosi benefici alla salute e che ha, però, alcune controindicazioni. Il longan – il cui nome scientifico è Dimocarpus Longan – è un frutto originario dell’Indocina, appartenente alla famiglia delle Sapindaceae, che è possibile trovare presso alcuni mercati di frutta esotica o nella cucina orientale. Il nome “longan” vuol dire, letteralmente, “occhio di drago”. Ma quali sono le sue proprietà benefiche e salutari? Scopriamo di più su questo prezioso frutto.

    Il longan è un frutto particolarmente benefico per la salute del nostro organismo: si tratta, infatti, di un alimento alleato di fegato, pelle, sangue, cuore, milza e memoria. Il cosiddetto “occhio di drago” è ricco di fibre alimentari, che favoriscono il lavoro svolto dall’intestino. Pare, inoltre, che il longan sia un alimento in grado di apportare calore e aiutare l’apparato cardiocircolatorio, oltre che la milza. Questo alimento vanta, poi, delle proprietà rilassanti e calmanti: rappresenta, infatti, un valido aiuto e un ottimo rimedio naturale per chi soffre di attacchi di panico, agitazione, insonnia, fame nervosa e palpitazioni. Essendo, inoltre, un buon antiossidante, è indicato contro l’invecchiamento – previene, infatti, i segni dell’età – e la formazione dei radicali liberi. Il longan favorisce, poi, l’assorbimento di ferro nel sangue e possiede proprietà antidolorifiche, antinfiammatorie, antimicotiche e tonificanti.

    Secondo alcuni studi, la presenza di proteine nel longan è in grado di alzare il livello del sistema immunitario, nonché di combattere e prevenire anche alcune forme di cancro.



    Calorie 100 grammiCarboidratiGrassiProteine
    60 kcal15 g0,1 g1,3 g


    Le proprietà nutrizionali sono molteplici: il longan contiene, infatti, vitamina C e riboflavina, oltre a fibre alimentari, sali minerali – si tratta di un frutto ricco di potassio, fosforo, magnesio e rame – e proteine. Ha, inoltre, un basso contenuto di grassi. Per quanto riguarda le calorie, invece, il longan contiene 60 kcal ogni 100 grammi di prodotto.

    Il longan è un frutto che non ha particolari controindicazioni, tranne nel caso di allergie o intolleranze. Ad ogni modo, è necessario prestare attenzione ai suoi semi: questi contengono, infatti, saponina – ne sono talmente ricchi da venire utilizzati per il lavaggio degli indumenti, nei paesi di origine – per cui è bene evitarne l’ingestione.

    Come si mangia il longan? Prima di tutto, è opportuno conoscere il grado di maturità giusto di questo frutto: la buccia non deve essere mai completamente morbida, con macchie violacee o marroni e la polpa deve essere succosa e trasparente. Il frutto – dopo aver eliminato la buccia – può essere mangiato fresco o disidratato: in quest’ultimo caso, può, ad esempio, essere utilizzato per l’infusione di tè. Il longan è utilizzato anche per la produzione di succhi, liquori, gelati e come ingrediente per salse agrodolci e zuppe tipiche delle cucine tradizionali cinesi e thailandesi.

    601

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Mangiar Sano
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI