L’olio di oliva e le sue qualita’

L’olio di oliva e le sue qualita’
da in Alimentazione, News Salute, Osteoporosi, Prevenzione, Tumori
Ultimo aggiornamento:

    olio

    olio

    Le ultime in fatto di olio di oliva ne descrivono le qualita’ al punto da dire che puo’ essere considerato un rimedio contro certe malattie. Ad esempio: l’olio d’oliva e’ ricco di polifenoli, antiossidanti naturali che combattono l’invecchiamento delle cellule.

    Secondo lo studio realizzato dall’Universita’ degli Studi di Granada essendo ricco di polifenoli, ha la funzione di antiossidante naturale, combattendo l’invecchiamento delle cellule. Aiuta a prevenire le malattie degenerative e anche l’osteoporosi.

    I tipi di olio che sono stati indagati sono 15, ma l’Universita’ di Granada non e’ nuova a questo genere di studi, periodicamente si occupa di indagare alcuni tipi di alimento, ad esempio ha effettuato uno studio sul miele, uno sulla birra e uno sul propoli.


    Tabella Nazionale di classificazione dell’olio:


    # Olio extra vergine di oliva
    : olio di oliva vergine il cui punteggio organolettico è uguale o superiore a 6,5, la cui acidità libera espressa in acido oleico è al massimo di 1 g per 100 g e avente le altre caratteristiche conformi a quelle previste per questa categoria;

    # Olio di oliva vergine (il termine “fino” può essere usato nella fase della produzione e del commercio all’ingrosso): olio di oliva vergine il cui punteggio organolettico è uguale o superiore a 5,5, la cui acidità libera espressa in acido oleico è al massimo di 2 g per 100 g e avente le altre caratteristiche conformi a quelle previste per questa categoria;

    # Olio di oliva vergine corrente: olio di oliva vergine il cui punteggio organolettico è uguale o superiore a 3,5, la cui acidità libera espressa in acido oleico è al massimo di 3,3 g per 100 g e avente le altre caratteristiche conformi a quelle previste per questa categoria;

    # Olio di oliva vergine lampante
    : olio di oliva vergine il cui punteggio organolettico è inferiore a 3,5 e/o la cui acidità libera espressa in acido oleico è superiore a 3,3 g per 100 g e avente le altre caratteristiche conformi a quelle previste per questa categoria.

    Fonte tabella: Toscana on line

    374

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneNews SaluteOsteoporosiPrevenzioneTumori
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI