Liste d’attesa: abbattuti i tempi lunghi

Liste d’attesa: abbattuti i tempi lunghi
da in Malattie rare, News Salute, Primo Piano, Sanità, Papilloma Virus
Ultimo aggiornamento:

    Ministrom Sacconi

    Basta ai tempi estenuanti delle liste di attesa cui ancora oggi devono sottostare migliaia e migliaia di pazienti, a dichiarare guerra a questa piaga del nostro Paese il ministro Sacconi che individua nelle malattie più gravi la priorità assoluta con abbattimento dei tempi di attesa anche entro tre giorni relativamente alle prestazioni più urgenti afferenti a patologie di natura oncologica e cardiovascolari.

    Concesso un tempo massimo di dieci giorni per il ricevimento di quelle prestazioni meno urgenti e fino ad un massimo di un mese, procrastinabili fino a due mesi massimo, per quelle visite e prestazioni medico-sanitarie la cui procrastinabilità non metta a repentaglio la vita del paziente. Previsto un diario, ancora da stilare, relativamente a quei trattamenti di chemioterapia e per il trattamento di quei tumori recidivanti.

    Anche il vaccino anti-Hpv per la prevenzione del papilloma virus e dunque del tumore alla cervice uterina sarà esteso alle diverse fasce della popolazione, così come nell’agenda del ministro Sacconi sono stati inseriti efficaci e nuovi strumenti per la diagnosi e la terapia delle malattie rare, un tempo Cenerentola della moderna medicina e previsto anche un nuovo ordinamento che regoli la materia in fatto di protesi per disabili e maggiore attenzione anche prevista per la sclerosi laterale amiotrofica.

    Per quanto concerne le cure dentarie, queste sono state fatte oggetto di studio da parte del competente Ministero della Salute con la predisposizione di uno speciale fondo riservato alle categorie meno abbienti che potranno così usufruire delle prestazioni mediante speciali convenzioni a carico del S.S.N.; tale piano prevedrà anche l’esistenza di speciali ambulatori H24 anche per le emergenze evitando il ricorso ai tradizionali Pronto Soccorso con l’immancabile intasamento delle strutture.


    Un importante capitolo è quello riservato alla prevenzione stilato di concerto con le regioni per quanto concerne le vaccinazioni, in primis, ma anche sull’infortunistica e sullo stile di vita, non mancheranno sulla stessa falsariga anche particolari centri per attenzionare gravi malattie cardiache e nuovi centri oncologici. Attenzione verrà riservata infine all’obesità infantile e alla terapia del dolore e verrà fatto obbligo alle regioni di curare il confort riservato ai pazienti all’interno degli ospedali da esse gestite.

    430

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Malattie rareNews SalutePrimo PianoSanitàPapilloma Virus
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI