NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Linguaggio: le dimensioni delle parole

Linguaggio: le dimensioni delle parole

Il nostro cervello è in grado di identificare più velocemente le parole che si riferiscono ad elementi grandi rispetto ai termini che indicano oggetti piccoli

da in Cervello, Linguaggio, Memoria, Primo Piano, Psicologia, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    linguaggio

    Il linguaggio umano spesso sorprende per alcune sue caratteristiche che non saltano subito all’occhio, ma che lo rendono uno strumento unico. Una di queste è la capacità che ha il cervello di fruire del linguaggio stesso, cogliendo più rapidamente il significato di parole che si riferiscono ad oggetti grandi rispetto a quello di termini che si riferiscono ad oggetti più piccoli.

    E’ la conclusione alla quale sono arrivati i ricercatori dell’Università di Glasgow, che hanno compiuto degli studi specifici in proposito. Gli studiosi hanno preso in considerazione parole che presentano lo stesso numero di sillabe, la medesima frequenza d’uso e la stessa facilità ad essere immaginate, ma che differiscono nell’indicare oggetti di dimensioni diverse.

    Hanno proceduto poi ad operare un confronto fra i diversi termini presi in considerazione. Per fare questo hanno svolto un esperimento in cui sono stati coinvolti 42 volontari. Questi ultimi sono stati invitati ad osservare un video in cui comparivano a caso 180 parole.

    45 di questi vocaboli indicavano elementi grandi, 45 elementi piccoli e 90 non avevano un senso.

    I volontari avevano il compito di indicare se la parola vista aveva un senso oppure no. I tempi di reazione dei soggetti nel caso dei termini che indicavano un oggetto di grandi dimensioni erano più brevi rispetto a quelli impiegati per indicare se erano dotate di senso compiuto le parole che indicavano oggetti piccoli. Tutto questo è spiegabile con il fatto che nella memoria è immagazzinata una diversa rappresentazione visiva di un oggetto grande, che permetterebbe di accedere più velocemente alla parola corrispondente.

    Immagine tratta da: lapoesiaelospirito.wordpress.com

    317

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CervelloLinguaggioMemoriaPrimo PianoPsicologiaRicerca Medica
    PIÙ POPOLARI