Linfoma non Hodgkin: sintomi, diagnosi, cause e cura

Linfoma non Hodgkin: sintomi, diagnosi, cause e cura

Il linfoma non Hodgkin è un di tumore che interessa le cellule del sistema immunitario

da in Ghiandole, Linfoma, Linfonodi, Sistema immunitario, Tumori, Linfoma non Hodgkin
Ultimo aggiornamento:

    linfoma non hodgkin cause sintomi diagnosi cure

    Il linfoma non Hodgkin è una forma di tumore che interessa le cellule del sistema immunitario, che comprende il sistema linfatico. Considerando che il tessuto linfatico si trova in varie parti dell’organismo, il linfoma non Hodgkin si può sviluppare dappertutto. In genere il nucleo della malattia è rappresentato da un linfonodo sopra il diaframma, ma può essere coinvolto anche un gruppo di linfonodi. La neoplasia si sviluppa quando, a causa di un’anomalia, un linfocita si divide e si replica, innescando un processo di duplicazione cellulare, che determina un accumulo di cellule stesse.

    Linfoma non Hodgkin: sintomi

    Differenti sono i sintomi del linfoma non Hodgkin. Si manifesta un gonfiore non doloroso ai linfonodi del collo, delle ascelle o dell’inguine. Si hanno problemi respiratori, tosse o dolore al torace. Si manifestano una febbre continua e un’intensa sudorazione notturna. Il soggetto si sente debole e stanco e dimagrisce senza uno specifico motivo. Si può avere anche gonfiore o dolore a livello addominale. In genere ci si dovrebbe allertare se questi sintomi non scompaiono nel giro di due settimane.

    Linfoma non Hodgkin: diagnosi

    Per effettuare la diagnosi del linfoma non Hodgkin non basta solo una visita medica, che comunque è necessaria per verificare eventuali gonfiori ai linfonodi. Occorre sottoporsi agli esami del sangue, controllando anche il livello dell’enzima lattato-deidrogenasi, che tende ad aumentare in presenza della neoplasia in questione. Inoltre è importante effettuare una radiografia toracica e una biopsia su un linfonodo asportato.

    Quest’ultima rappresenta l’unico metodo sicuro per la diagnosi del linfoma non Hodgkin.

    Linfoma non Hodgkin: cause

    Non sono conosciute con certezza le cause del linfoma non Hodgkin. Tuttavia la ricerca scientifica ha dimostrato che esistono dei fattori di rischio, che aumentano le possibilità di incorrere in questo genere di tumore: lavorare a contatto con alcune sostanze chimiche, soffrire di un indebolimento del sistema immunitario, avere determinate infezioni, come l’HIV, l’infezione da EBV, il virus dell’epatite C, i virus dei linfociti T di tipo 1, l’Helicobacter pylori. Nonostante il linfoma non Hodgkin possa colpire anche i giovani, in ogni caso il progredire dell’età costituisce un altro fattore di rischio.

    Linfoma non Hodgkin: cura

    La cura del linfoma non Hodgkin dipende dal tipo di tumore, dalla sua collocazione, dalla sua velocità di crescita, dall’età del soggetto e dalla presenza di altri eventuali problemi di salute. Si può ricorrere alla chemioterapia: si somministrano dei farmaci in grado di uccidere le cellule del linfoma. In questo caso si ricorrere ad una terapia sistemica, perché i farmaci devono entrare in circolo nell’organismo per raggiungere le cellule tumorali. La radioterapia riesce a diminuire le dimensioni del tumore e a prevenire il dolore.

    Esiste anche la terapia biologica, che prevede la somministrazione per endovena di proteine di sintesi capaci di legarsi alle cellule tumorali e aiutare così il sistema immunitario ad eliminare le cellule del linfoma. Recentemente contro i linfomi non Hodgkin è stata trovata una nuova terapia standard.

    Nel caso in cui il linfoma non Hodgkin dovesse ripresentarsi dopo la terapia, si può ricorrere al trapianto delle cellule staminali. Qualche tempo fa era stata avanzata anche l’ipotesi della possibile efficacia di un vaccino contro il linfoma non Hodgkin.

    656

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN GhiandoleLinfomaLinfonodiSistema immunitarioTumoriLinfoma non Hodgkin
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI