Leucemia: nuovo farmaco tutto made in Italy

Leucemia: nuovo farmaco tutto made in Italy

«Le sperimentazioni in vitro e in vivo, su animali, sono già state condotte - spiega Giuseppe Leone, direttore dell’Istituto di ematologia della Cattolica di Roma - e in gennaio partiremo con i test di fase I sull’uomo»

da in Leucemia, Malattie, Ricerca Medica, Ricerca scientifica
Ultimo aggiornamento:

    ricerca scientifica

    Potrebbe essere una nuova arma da applicarsi nella cura contro le leucemie; parliamo di un farmaco realizzato in tutto e per tutto in Italia dall’Istituto di ematologia della Cattolica di Roma con a capo il professore Giuseppe Leone che, conferma, a partire dal prossimo mese di gennaio verrà sperimentato sugli uomini.

    La caratteristica importante di questo farmaco contro la leucemia è data dalla buona efficacia dimostrata fino adesso in laboratorio e dalla presunta bassa tossicità, un farmaco in grado di evitare le possibili ricadute cui di norma sottostanno i malati di leucemia linfatica cronica, una neoplasia questa che molto spesso colpisce gli anziani. La molecola in questione si chiama R788 ed è stata presentata a New Orleans al congresso della Società americana di ematologia, a ‘firma’ dei ricercatori dell’Istituto di ematologia dell’università Cattolica di Roma, in collaborazione con il Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) e grazie al finanziamento dell’Airc (Associazione italiana per la ricerca sul cancro) e della statunitense Leukemia & Lymphoma Society.

    «Le sperimentazioni in vitro e in vivo, su animali, sono già state condotte – spiega Giuseppe Leone, direttore dell’Istituto di ematologia della Cattolica di Roma – e in gennaio partiremo con i test di fase I sull’uomo». Tuttavia, sottolinea l’esperto, la tollerabilità della molecola è già nota perchè il farmaco è già stato utilizzato contro alcune malattie autoimmuni come l’artrite reumatoide.

    Da dire che la leucemia cronica linfatica è attualmente ben trattata con gli attuali farmaci di cui disponiamo, resta però l’alea di un eventuale recidiva della malattia che con questo nuovo farmaco tutto made in Italy potrebbero sicuramente evitarsi.

    Una ‘pallottola intelligente’ che va a colpire in modo selettivo dove deve, minimizzando la probabilità di effetti collaterali.

    334

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN LeucemiaMalattieRicerca MedicaRicerca scientifica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI