Legamento crociato anteriore: esercizi e tempo di recupero in caso di lesione

Legamento crociato anteriore: esercizi e tempo di recupero in caso di lesione
  • Commenti (1)
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

legamento crociato anteriore esercizi tempo di recupero lesione

Il legamento crociato anteriore è uno dei più importanti che formano l’articolazione del ginocchio. E’ un elemento assottigliato, che è collocato al centro del ginocchio, fra la tibia e il femore. Il suo compito è quello di rendere stabile l’articolazione. A volte si può verificare una lesione di questo legamento, per cui è necessario sottoporsi ad un processo di riabilitazione perché la sua anatomia comporta che, dopo la distrazione, si debba tornare alla condizione originaria attraverso degli esercizi, che possano garantire un adeguato tempo di recupero. Vediamo quale programma di allenamento seguire.

Gli esercizi

Gli esercizi per il legamento crociato anteriore, in caso di lesione, prevedono un programma di rieducazione che può iniziare fin da subito, magari con delle contrazioni del quadricipite e dei sollevamenti dell’arto inferiore. Si possono iniziare esercizi di mobilità, purché escludano movimenti improntati al dolore.

Proprio con la scomparsa della sensazione dolorosa, dopo la lesione al legamento, la mobilità migliora di molto e si possono compiere esercizi di flessione e di estensione. Ci sono anche gli esercizi specifici per il potenziamento muscolare. Il loro obiettivo è quello di sollecitare i muscoli, compresi quelli posteriori della coscia.

Da questo punto di vista ci si può affidare agli allenamenti a catena chiusa, che hanno lo scopo di migliorare il controllo neuromuscolare e la stabilizzazione dinamica. L’obiettivo da raggiungere è quello di avere un rapporto di equilibrio in termini di forza fra i muscoli anteriori e quelli posteriori. Ecco perché sono molto utili gli esercizi attivi e le estensioni contro resistenza.

Si possono eseguire anche mosse controllate funzionali di accelerazione e decelerazione. Non si deve trascurare, comunque, la riprogrammazione dell’esperienza percettiva del movimento. A seconda della fase di allenamento, si possono usare a questo scopo esercizi a catena cinetica aperta, come la cyclette, oppure la deambulazione con carico parziale, il recupero degli schemi del passo ed esercizi di agilità, di corsa e di salto.

Il tempo di recupero

I tempi di recupero del legamento crociato anteriore, in caso di lesione, dipendono da diversi fattori. Comunque sono in genere lunghi dopo la rottura del crociato. Per l’attività sportiva si tratta di circa 6 mesi. La riabilitazione può prevedere tempi più veloci per gli atleti professionisti, ma bisogna sempre vedere come rispondono gli adattamenti del ginocchio.

Fra gli altri fattori da tenere in considerazione ci sono: il tono muscolare dopo l’infortunio, l’eventuale chirurgia associata che riguarda menischi e cartilagine, la disponibilità di tempo per la riabilitazione. Mediamente si ritorna a camminare normalmente dopo circa 4 settimane, si può nuotare al secondo mese e la corsa lenta può essere eseguita dopo circa 3 o 4 mesi.

553

Leggi anche:Allergie crociate: cosa sono, sintomi e rimediLussazione gomito: sintomi, esercizi di riabilitazione e tempi di recuperoLesione menisco: sintomi, cosa fare e tempi di recuperoLesione legamento: sintomi, cause e tempi di recupero

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Mar 18/06/2013 da in , ,

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
VALENTINA 23 febbraio 2014 18:47

Buon giorno stimati signori,
un commento per la mia bambina di anni 12,dopo un banale incidente in un corso di ballo si e fatta male al ginocchio,Dopo svariate terapie ,radiografie e alla fine la risonanza magnetica,che vi comunico vorrei gentilmente un vostro parere.
Non lesioni capsulo legamentose del comparto esterno ed interno.
Nei limiti il segnale e la morfologia delle fibrocartilagini meniscali.
Assottigliato il leg. crociato anteriore.Non lesioni apprezzabili a carico del leg.crociato posteriore.
Non è presente versamento intrarticolare.
Segni di iperpessione rotulea esterna in paziente con confermazione rotulea tipo 3 di Wiberg.
Con ansia e cortesia aspetto un Vostro consiglio
Gradite i più cordiali saluti
L. VETRI

Rispondi Segnala abuso
Seguici