Le staminali e la Banca dei tessuti umani

Le staminali e la Banca dei tessuti umani
da in Cellule Staminali, Ginecologia, News Salute, Ovulazione, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    stemcells

    Ancora notizie all’avanguardia, per quanto riguarda l‘uso delle cellule staminali nella ricostruzione dei tessuti danneggiati dalle malattie: si tratta di una notizia che arriva direttamente dalla California, dove sono gli ovuli femminili non fecondati in natura a diventare una possibile miniera, secondo i ricercatori della Biotech International, per recuperare le Stem Cell, appunto, che utilizzerebbe le cellule staminali degli ovuli femminili, che pare siano altamente adattabili a parecchi tipi di tessuto umano.

    Una “Banca del tessuto umano”, e’ il futuro che si presenta all’orizzonte della ricerca medica, perche’ i pazienti possano essere curati e trapiantati senza il rischio del rigetto clinico.

    Le cellule possono essere ottenute su stimolazione artificiale dell’ovulo in assenza di spermatozoi, e la riproduzione in sequenze delle cellule staminali consente quindi di creare una vera e propria banca delle cellule, da impiegare nella medicina rigenerativa.

    Gli ovuli femminili, non fecondati, diventano cosi’ una preziosa risorsa, di materiale umano sicuro: il direttore dell’azienda, il Prof.ssor Jeffrey Janus, ha dichiarato che l’uso di questo tipo di cellule, a differenza delle embrionali, non pone il problema etico di discutere se sia o meno accettabile l’uso di staminali degli ovuli femminili, mentre e’ molto piu’ sicuro in fatto di risultati delle operazioni e di azzeramento del rischio di contrarre malattie da trapianto, essendo possibile un preventivo controllo delle cellule che si vanno a impiantare.

    291

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Cellule StaminaliGinecologiaNews SaluteOvulazioneRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI