Le 10 spezie che fanno bene alla salute

Le spezie sono un preparato aromatico ricavato da diverse piante aromatiche ed erbe officinali, che vantano molteplici proprietà benefiche e curative. Nell'antichità, le spezie erano impiegate nella medicina tradizionale per la cura di diverse patologie, ma quali sono le spezie che fanno più bene alla nostra salute? Scopriamolo insieme nell'articolo che segue.

da , il

    10 spezie

    Quali sono le 10 spezie che fanno bene alla salute? La spezia è un preparato aromatico di origine vegetale, che viene ricavato dai semi, le foglie, le bacche, le radici, i frutti, la corteccia o i fiori della pianta e, nella maggior parte dei casi, prende il nome della pianta stessa. Le spezie che ne vengono ricavate sono ricche di sali minerali ed altre sostanze nutritive importanti, per questo vantano proprietà benefiche e curative da non sottovalutare. Nell’articolo che segue scopriamo quali sono le spezie che più fanno bene alla salute e le loro molteplici proprietà.

    1. Curcuma

    curcuma foto
    Calorie 100grCarboidratiGrassiProteineZuccheri
    354 kcal65 g10 g8 g3,2 g

    La curcuma è una spezia ricavata dalla radice della pianta stessa, è di origine orientale e vanta delle proprietà benefiche e curative davvero straordinarie.

    Questa spezia, se usata quotidianamente, è utile per prevenire il diabete e proteggere l’organismo dagli attacchi di virus e batteri che causano le infezioni, rafforzando il sistema immunitario.

    La curcuma ha anche spiccate proprietà antinfiammatorie, antidolorifiche e antiossidanti: per questo motivo, si rivela utile in caso di patologie come l’artrite e l’artrosi.

    Inoltre, gli antiossidanti aiutano a mantenere il corpo e la mente giovani, in quanto contrastano il proliferare dei radicali liberi, rallentando così l’invecchiamento cellulare.

    2. Zenzero

    zenzero foto
    Calorie 100grCarboidratiGrassiProteineZuccheri
    80 kcal18 g0,8 g1,8 g1,7 g

    Lo zenzero è una spezia utilizzata per le sue proprietà curative, sin dall’antichità, soprattutto dalla Medicina Cinese e la Medicina Ayurvedica.

    Anche lo zenzero viene ricavato dalla radice della pianta stessa, e le sue proprietà benefiche sono a dir poco notevoli.

    Lo zenzero, assunto dopo i pasti, favorisce la digestione in quanto stimola la produzione di succhi gastrici, e aiuta l’organismo a depurarsi da scorie e tossine.

    Nei cambi di stagione e durante i medi freddi, lo zenzero è un valido aiuto per la prevenzione e la cura di stati di raffreddamento, influenza, mal di gola e congestione nasale; è un ottimo antidolorifico e antinfiammatorio, contribuisce a ridurre la cellulite contrastando la ritenzione idrica e stimola il metabolismo dei grassi.

    Inoltre, lo zenzero è un ottimo rimedio contro la nausea in gravidanza e contro il mal d’auto, d’aereo o mal di mare.

    3. Peperoncino

    peperoncino foto
    Calorie 100grCarboidratiGrassiProteineZuccheri
    40 kcal9 g0,4 g1,9 g5 g

    Il peperoncino è una spezia che viene ricavata dal frutto della pianta del peperoncino.

    Il peperoncino è noto per le sue proprietà depurative, digestive e stimolanti; favorisce la corretta circolazione del sangue regolandone la pressione e aiuta a tenere sotto controllo gli zuccheri nel sangue, tenendo a bada il livello di colesterolo cattivo.

    Inoltre, il peperoncino ha un effetto termogenico, cioè stimola il metabolismo dei grassi e aiuta il corpo a riscaldarsi.

    4. Noce moscata

    noce moscata foto
    Calorie 100grCarboidratiGrassiProteineZuccheri
    525 kcal49,29 g36,31 g5,84 g28,49 g

    La noce moscata è una spezia ricavata dal seme del frutto del macis, ed è una spezia che spesso viene sottovalutata.

    Questa spezia viene utilizzata per la preparazione di farmaci omeopatici e risulta utile in caso di dolori reumatici e pressione bassa.

    La noce moscata viene impiegata anche per le patologie che colpiscono l’apparato respiratorio e il tratto gastrointestinale: queste proprietà benefiche sono dovute al suo olio essenziale, che contiene diverse sostanze nutrienti fondamentali.

    La noce moscata non deve essere assunta in grandi quantità, in quanto ha una componente tossica e potrebbe causare allucinazioni, convulsioni, vomito, diarrea e febbre.

    5. Cumino

    cumino foto
    Calorie 100grCarboidratiGrassiProteineZuccheri
    375 kcal44 g22 g18 g2,3 g

    Il cumino viene prodotto dai semi della pianta del cumino, ed è una delle spezie principali utilizzate nella Medicina Ayurvedica.

    Il cumino ha un effetto termogenico, per questo consigliata particolarmente durante i mesi invernali, ha un alto contenuto di ferro e aiuta a tenere sotto controllo il livello di colesterolo nel sangue.

    Inoltre, il cumino è un valido aiuto nel contrastare gli effetti negativi dell’osteoporosi e rafforza il sistema immunitario.

    6. Chiodi di garofano

    chiodi di garofano foto
    Calorie 100grCarboidratiGrassiProteineZuccheri
    274 kcal66 g13 g6 g2,4 g

    I chiodi di garofano sono i fiori della pianta “eugenia caryophyllata”, un albero sempreverde originario dell’Indonesia.

    Grazie alle sue proprietà antinfiammatorie e antidolorifiche, questa spezia ha un ruolo fondamentale nella naturopatia, in quanto è in grado di alleviare i dolori causati dall’artrite; inoltre i chiodi di garofano si rivelano molto utili in caso di ascessi o mal di denti, in quanto esercitano un’azione anestetica.

    Infine, i chiodi di garofano hanno proprietà antibatteriche e antisettiche.

    7. Curry

    curry foto
    Calorie 100grCarboidratiGrassiProteineZuccheri
    325 kcal58 g14 g13 g2,8 g

    Il curry è una spezia molto utilizzata e conosciuta, ed è una miscela di pepe nero, cumino, coriandolo, cannella, curcuma, chiodi di garofano, zenzero, noce moscata, fieno greco e peperoncino.

    Questa miscela di spezie vanta proprietà digestive, depurative, antiossidanti, antinfiammatorie, antibatteriche, toniche, antibatteriche, analgesiche e dimagranti.

    Il curry viene utilizzato principalmente nel settore culinario, per la preparazione di piatti di carne, di pesce e di verdure.

    8. Anice stellato

    anice stellato foto
    Calorie 100grCarboidratiGrassiProteineZuccheri
    337 kcal50,02 g15,9 g17,6 g0 g

    L’anice stellato è una spezia che prende il nome dalla sua particolare forma di stella.

    Nella medicina tradizionale l’anice stellato viene considerato un vero e proprio antibiotico naturale, e il suo olio essenziale viene impiegato per la preparazione di farmaci omeopatici e rimedi naturali.

    L’anice stellato vanta anche proprietà antiossidanti, antimicotiche, antibatteriche ed antivirali. In cucina, viene utilizzato per la preparazione di liquori e dolci.

    9. Cannella

    cannella foto
    Calorie 100grCarboidratiGrassiProteineZuccheri
    247 kcal80,59 g1,24 g3,99 g2,17 g

    La cannella è una spezia che viene ricavata dalla corteccia della pianta stessa da cui prende il nome.

    Questa spezia viene principalmente impiegata per la preparazione di dolci da forno e tisane, dalle quali si traggono diversi benefici.

    La cannella aiuta a regolarizzare il livello di zuccheri nel sangue e tenendo a bada il colesterolo cattivo, allevia i dolori reumatici e quelli causati dall’artrite, migliora la memoria e si rivela utile in caso di raffreddore e mal di gola.

    Inoltre alla cannella sono attribuite delle proprietà antitumorali, per merito dell’abbondanza di antiossidanti contenuti in essa.

    10. Cardamomo

    cardamomo foto
    Calorie 100grCarboidratiGrassiProteineZuccheri
    311 kcal68 g7 g11 g0 g

    Il cardamomo si ricava dai semi della pianta “elettaria cardamomum”, una pianta tropicale che cresce soprattutto il India e in Malaysia. E’ una delle tre spezie più rare e preziose al mondo, insieme alla vaniglia e allo zafferano.

    Il cardamomo ha un forte effetto balsamico e antinfiammatorio, per questo viene impiegato soprattutto per le patologie che interessano l’apparato respiratorio.

    Il cardamomo è utile in caso di tosse, mal di gola, raffreddore, influenza e congestione nasale; questa spezia vanta anche ottime proprietà dimagranti in quanto stimola il metabolismo dei grassi. I semi del cardamomo possono essere masticati oppure impiegati nella preparazione di tisane e infusi.