Le malattie tropicali dimenticate dalle istituzioni e dalle case farmaceutiche

Le malattie tropicali dimenticate dalle istituzioni e dalle case farmaceutiche

L’organizzazione medica dei Medici Senza Frontiere (MSF) ha stilato un rapporto, rivolto alle istituzioni, per sottolineare la necessità di ricerche e di nuovi studi clinici per poter combattere le malattie tropicali

da in Malattie
Ultimo aggiornamento:

    malattie tropicali dimenticate dalle istituzioni case farmaceutiche

    Istituzioni e case farmaceutiche, secondo ultime notizie, hanno dimenticato tutto ciò che riguarda le malattie tropicali. Queste ultime sono tra i problemi che maggiormente attanagliano i Paesi più poveri, anche se alcuni di questi, tramite vettori, stanno raggiungendo anche le nostre zone. Basti pensare alle patologie che la puntura di molte zanzare causa, ma questi sono solo dei semplici esempi. Le malattie tropicali rappresentano un vero e proprio problema che giustamente occorre risolvere, come sottolineano gli specialisti di Medici Senza Frontiere (MSF). Il duro lavoro che l’organizzazione medica sta svolgendo oramai da tantissimi anni sottolinea quanto quei popoli abbiano bisogno di aiuto e che come tutte le persone hanno diritto alla salute. Tutto ciò dovrebbe essere compreso e recepito dalle istituzioni e dai gruppi di ricerca.

    Quali sono le patologie tropicali ed i problemi che causano

    patologie tropicali problemi che causanoLe malattie tropicali che colpiscono i paesi in via di sviluppo sono la Kala azar (leishmaniosi viscerale), la malattia del sonno (tripanosomiasi umana africana), il Chagas (tripanosomiasi americana), che colpiscono migliaia di persone ogni anno, causandone, nella maggior parte dei casi, il decesso. Infatti, se queste patologie non vengono trattate tempestivamente portano alla morte. I paesi invia di sviluppo colpiti da questi problemi sono l’America Latina, l’Africa sub-sahariana, l’Asia meridionale e il Caucaso. I medici di MSF aiutano le popolazioni di queste zone da circa 25 anni vedendo l’oblio in cui vivono e molte volte sono testimoni di disgrazie senza poter fare nulla per aiutarle. Nonostante i decessi ed i contagi siano tantissimi le malattie tropicali sembra quasi che siano state dimenticate: non se ne parla come si dovrebbe.

    Per questo l’organizzazione dei medici ha sviluppato un rapporto, chiamato appunto “Combattere l’oblio”, nel quale sottolineano il lavoro che svolgono in questi paesi e la necessità d ricerca e test diagnostici specifici per queste patologie.

    Il documento che riporta l’emergenza

    documento riporta emergenzaIl rapporto stilato dall’organizzazione medica sottolinea l’allarme e la necessità di interventi tempestivi. La ricerca su queste patologie è bloccata da tantissimi anni creando un “buco” molto profondo nella diagnosi e nelle possibili terapie. Infatti, secondo gli esperti, riprendendo in mano i protocolli, gli studi sui possibili test diagnostici e di conseguenza i possibili trattamenti curativi queste situazioni possono essere migliorate. Il fine di tutto ciò è quello di avere le armi necessarie per salvare delle vite e risollevare il destino clinico di queste popolazioni. Le istituzioni politiche e le case farmaceutiche dovrebbero puntare sullo studio di queste patologie, che per ora sono finite nel dimenticatoio. Il motivo di tutto ciò è che i finanziamenti e le risorse disponibili non vengono spese e messe a disposizione di un mercato economicamente non rilevante: patologie che colpiscono popolazioni di Paesi in via di sviluppo ed essendo zone molto povere non ci sarebbe un tornaconto economico. Ma tutto questo non dovrebbe prevalere sulla necessità di mettere a disposizione “le armi” giuste ai medici che si stanno occupando di queste persone.

    614

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Malattie
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI