Le infezioni urinarie contrastate dal succo di mirtillo

Le infezioni urinarie contrastate dal succo di mirtillo

Il succo di mirtillo, secondo uno studio statunitense, sembrerebbe essere efficace nel bloccare le infezioni batteriche, in particolar modo quelle causate dall’Escherichia Coli

da in Apparato Urinario, Batteri, Infezioni, Malattie, News Salute, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    infezioni urinarie succo mirtillo

    Il succo di mirtillo, secondo uno studio statunitense, è utile a contrastare le infezioni urinarie. Le patologie causate da batteri, in generale, in questo specifico caso quelle che colpiscono il tratto urinario, possono trovare nelle sostanze contenute nei mirtilli un vero nemico. Secondo alcuni ricercatori l’efficacia del succo di tale frutto è da ricercare nei suoi componenti, mentre altri pareri considerano la purezza del succo il vero segreto del mirtillo.

    Lo studio, che ha sottolineato l’importanza di alcuni componenti del mirtillo, è stato condotto dai ricercatori del Worcester Polytechnic Institute (Stati Uniti). In particolare l’attenzione degli studiosi si è concentrato sulle proantocianidine, sostanze naturali bioattive. Queste ultime sono risultate particolarmente efficaci nel contrastare le infezioni causate dal batterio Escherichia Coli, agente patogeno famoso per le molteplici patologie infettive che causa.

    La ricerca, pubblicata su Food Science and Biotechnology, ha scoperto come inibire la formazione delle colonie batteriche di Escherichia Coli. Secondo un altro studio, condotto dal gruppo della dottoressa Terri Camesano, il succo di mirtillo puro riuscirebbe a bloccare l’attacco del batterio, mediante i suoi uncini, ai tessuti dell’organismo. Bloccando questo meccanismo di aderenza non avviene la formazione di biofilm batterici e l’insorgenza di conseguenti infezioni. Gli studi continueranno per confermare e scoprire ulteriori caratteristiche del succo di mirtillo.

    276

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Apparato UrinarioBatteriInfezioniMalattieNews SaluteRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI