Le creme da usare per le ragadi al seno durante l’allattamento

Le creme da usare per le ragadi al seno durante l’allattamento

Per combattere le ragadi al seno provocate dall’allattamento sono utili le creme cicatrizzanti, ma si deve prestare attenzione anche ad un’adeguata prevenzione, che può essere messa in atto anche con rimedi naturali

da in Allattamento, Benessere, Estetica e Trattamenti, Ferite, Pelle, Prevenzione
Ultimo aggiornamento:

    ragadi seno

    Le ragadi al seno sono delle ulcerazioni della cute che si manifestano soprattutto nella prima settimana di allattamento e si configurano in genere come dei piccoli tagli che provocano un dolore intenso, che potrebbe portare anche a decidere di non allattare più. La secrezione lattea diminuisce e a volte si possono verificare anche dei sanguinamenti.

    Contro le ragadi al seno usare creme cicatrizzanti
    ragadi seno creme cicatrizzanti
    Le creme cicatrizzanti contro le ragadi al seno sono essenziali sia per quanto riguarda la prevenzione del disturbo che per ciò che concerne il rendere più rapido il processo di guarigione delle ferite. In questo senso molto importante è l’utilizzo di creme a base di lanolina, la quale può essere arricchita dalla vitamina A e dalla vitamina D. Attenzione però ai pericoli in cui si può incorrere attraverso l’uso di prodotti di questo genere. È noto che le creme ai cereali apportano numerosi benefici alla pelle. In ogni caso ad esempio non va trascurato il fatto che le creme in questione sono di solito profumate e influiscono in questo modo su un fattore decisivo, che spinge il neonato ad attaccarsi in maniera corretta al seno materno: l’odore. Tutto ciò finisce per provocare delle suzioni errate e un’accentuazione del problema. In sostanza un circolo vizioso, dal quale non è facile uscire.

    Altre soluzioni contro le ragadi al seno
    ragadi seno soluzioni
    Per combattere le ragadi al seno si possono adottare anche altre soluzioni. Molto importante è l’apporto delle sostanze nutritive che introduciamo nell’organismo attraverso l’alimentazione. In questo senso sono fondamentali i cibi ricchi di vitamina E di vitamina C, le quali riescono a favorire la cicatrizzazione delle ferite.

    Vanno bene sicuramente i cereali integrali, le carote, i peperoni, gli asparagi, le uova, le carote e gli agrumi. Molto importante è anche l’apporto delle pomate a base di burro di karité e l’applicazione di erbe medicinali come la calendula e la centella asiatica, le quali svolgono un’azione emolliente.

    La prevenzione delle ragadi al seno: consigli utili
    ragadi seno prevenzione
    Di certo è essenziale puntare sulla prevenzione delle ragadi al seno. Quest’ultima va messa in atto preparando la pelle mediante il ricorso a dei rimedi naturali: è molto utile in questo senso l’olio di mandorle dolci, che serve ad idratare e a fortificare la cute. Le creme protettive dell’epidermide sono vantaggiose. Inoltre non si dovrebbe trascurare la cura dell’igiene, pulendo i capezzoli con l’acqua o con delle apposite salviettine, che aiutano a difendersi da eventuali infezioni, le quali possono condurre alla formazione delle ragadi. Tutto ciò aiuta a non rinunciare all’allattamento che fornisce effetti positivi al cervello dei bambini e concorre al loro benessere in generale.

    Se vi ha interessato questo articolo sulle ragadi al seno provocate dall’allattamento e volte saperne di più, potete leggere anche i seguenti articoli:

    Allattamento: quali farmaci utilizzare e quali no
    Allattamento al seno: che fare
    Allattamento: grassi idrogenati dannosi
    Allattamento: se continuato per sei mesi riduce il rischio di obesità
    Allattamento al seno: Italia in testa

    763

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AllattamentoBenessereEstetica e TrattamentiFeritePellePrevenzione
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI