Le 13 cause di disidratazione che non tutti sanno

Ci sono delle cause di disidratazione da non dimenticare. Non tutti le conoscono: l’alcool, l’allattamento, la gravidanza, gli integratori dietetici, il consumo di poca frutta e verdura.

da , il

    Ci sono alcune cause di disidratazione che non tutti conoscono. Di solito, quando si pensa alla disidratazione, tutti credono che non si beva abbastanza acqua. In realtà non è sempre così: ci sono delle condizioni specifiche del nostro organismo che richiedono un maggiore apporto di liquidi. L’apporto dell’acqua per il corpo umano è fondamentale, in quanto influisce in maniera determinante sulle funzioni vitali e, quindi, sul nostro benessere psicofisico. Vediamo insieme quali sono tutte le situazioni, in cui non dovremmo trascurare di bere abbastanza.

    1. La gravidanza

    Uno dei momenti della vita in cui si deve bere molto è costituito dalla gravidanza. In questa situazione aumenta nel corpo il contenuto di acqua, perché il sangue materno arriva ad un maggior volume e va mantenuto il liquido amniotico.

    2. Il diabete

    Anche chi soffre di diabete corre il rischio di disidratazione. Basti pensare al fatto che, quando nel corpo i valori della glicemia sono troppo alti, bisognerebbe rivolgersi al medico, anche perché l’organismo cerca di eliminare gli zuccheri in eccesso attraverso le urine.

    3. Il ciclo mestruale

    Durante il ciclo mestruale si sente l’azione di estrogeni e progesterone, che possono far variare i livelli di idratazione. In questo periodo si dovrebbe bere di più, anche per contrastare le perdite abbondanti.

    4. I farmaci

    Alcuni farmaci possono causare disidratazione, specialmente se hanno effetti diuretici. Proprio per questo, ogni volta che si assume un medicinale, è necessario leggere bene il foglio illustrativo.

    5. Lo stress

    I cambiamenti ormonali che sono associati allo stress portano più facilmente alla disidratazione. Nei momenti di maggior tensione e stanchezza è dunque importante bere di più.

    6. Le diete senza carboidrati

    A volte si seguono delle diete che non prevedono il consumo di carboidrati. In questi casi non si pensa che vengono meno dal corpo anche molti liquidi. E’ necessario ricompensarli con un maggior apporto di acqua.

    7. La diarrea

    Quando si soffre di diarrea, bisognerebbe tenere in considerazione l’alto pericolo di disidratazione, perché insieme alle feci si espellono molti liquidi.

    8. L’attività fisica

    Fare attività fisica comporta un gran dispendio di acqua, oltre che di sali minerali, che fuoriescono dal corpo attraverso il sudore. Anche una semplice camminata può comportare questo effetto, proprio per questo è necessario reintegrare subito i liquidi persi, bevendo acqua. Bisogna avere, comunque, l’accortezza che non sia troppo fredda.

    9. L’età

    Con l’età e con il subentrare dell’invecchiamento il nostro corpo diventa meno capace di trattenere i liquidi. Allo stesso tempo diminuisce la sensazione di sete e quindi non si avverte lo stimolo a reintegrare l’acqua che si perde. Ad una certa età, quindi, è opportuno bere di tanto in tanto, anche quando non se ne senta la necessità.

    10. L’alcool

    Il bere alcolici è un’altra condizione che ci mette a rischio disidratazione. Non si dovrebbe mai abusare dell’alcool, perché, fra tutte le conseguenze negative che esso apporta, c’è anche questa. Ed è qualcosa di allarmante, considerando che spesso i giovani consumano alcool per combattere stress e tensioni.

    11. L’alimentazione senza frutta e verdura

    La frutta e la verdura sono molto importanti per il nostro organismo, in quanto riescono ad apportare una grande quantità di acqua, oltre che di vitamine e di sali minerali necessari al nostro corpo. Proprio una dieta abbondante di frutta e di verdura è raccomandata a chi soffre di stitichezza. Per questo motivo, se non si mangiano molti ortaggi, bisognerebbe ricompensare il tutto con il consumo di molta acqua.

    12. Gli integratori dietetici

    Gli integratori dietetici hanno un effetto diuretico da non sottovalutare. Si tratta della conseguenza non soltanto degli integratori di vitamine, ma anche di quelli a base di piante. Per questo motivo, quando vengono assunti, si deve bere molta più acqua.

    13. L’allattamento

    Nel periodo dell’allattamento si consumano molti liquidi, per cui è necessario reintegrarli in modo opportuno. Ne va del bene del bambino, oltre che della salute della donna.