Le 10 più gravi malattie causate dagli insetti

Le 10 più gravi malattie causate dagli insetti

Sono molte le malattie causate dagli insetti

da in Insetti, Malattie, Malattie rare, zecche
Ultimo aggiornamento:

    malattie gravi insetti

    Le malattie causate dagli insetti sono varie e, fra queste, ce ne sono anche di gravi. I parassiti infatti sono in grado di trasmettere agli esseri umani delle malattie che insidiano la nostra salute. Il tutto avviene attraverso gli agenti patogeni che gli insetti riescono a portare in giro. Si tratta soprattutto di protozoi, di virus e di batteri, i quali, una volta penetrati nell’organismo umano, mettono a rischio le nostre difese immunitarie, compromettendo il nostro benessere generale. In genere si tratta di casi risolvibili attraverso il ricorso a specifiche cure, ma non sempre è così. Vediamo le 10 malattie più gravi trasmesse dagli insetti.

    1. La peste causata dalle pulci dei roditori

    La peste è la più antica malattia conosciuta. Questa malattia è riuscita ad eliminare un terzo della popolazione europea. Possiamo dire che la peste è comunque una malattia mai scomparsa. La peste è causata dai roditori, che sono gli ospiti primari dei batteri che provocano la malattia. Il contagio avviene per mezzo delle pulci dei roditori, che si nutrono del sangue dei roditori stessi. Se non viene trattata adeguatamente, la peste si diffonde per tutto il corpo attraverso il sistema linfatico.

    2. La babesiosi determinata da una zecca

    La babesiosi si diffonde attraverso il morso di una zecca. I germi riescono a diffondersi, se la zecca rimane attaccata alla pelle per almeno 24-36 ore. Fra i sintomi causati dalla malattia ci sono la febbre, la nausea, il mal di testa e la stanchezza. I sintomi possono manifestarsi dopo un periodo che va da una a otto settimane e possono durare per vari mesi.

    3. La febbre bottonosa causata dalle zecche del cane

    La febbre bottonosa è causata dalle zecche del cane. Compaiono delle croste nere ulcerose e si hanno febbre alta e dolori muscolari. Diagnosticata in tempo, consente di sopravvivere.

    4. La malattia di Chagas attribuibile alle cimici

    Le cimici possono essere portatrici della malattia di Chagas. La malattia determina un gonfiore intorno alla zona in cui si è stati morsicati dalle cimici, febbre e rigonfiamento delle ghiandole linfatiche. Nel tempo si possono avere danni al cuore e paralisi dell’intestino. Tra l’altro per questa malattia non sono stati ancora scoperti né il vaccino né la terapia.

    Di recente la comunità scientifica si è chiesta se, a proposito della malattia di Chagas, si possa parlare di una nuova epidemia come l’Aids.

    5. Il tifo: lo trasmettono pidocchi, pulci e zecche

    Il tifo in passato ha determinato migliaia di morti. E’ causato da microrganismi, che sono trasmessi all’uomo dai pidocchi, dalle pulci e dalle zecche. I sintomi possono consistere in: eruzioni cutanee, febbre e forte mal di testa. Bisogna intervenire subito con gli antibiotici, perché altrimenti il tifo può essere letale.

    6. La malattia di Lyme causata dalle punture di zecca

    La malattia di Lyme è causata dalle punture delle zecche. Può determinare mal di testa, febbre, dolori muscolari e articolari, eruzioni cutanee di colore rosso. Contro questa malattia si può usare la penicillina.

    7. La sindrome polmonare da Hantavirus: la trasmettono i roditori

    La sindrome polmonare da Hantavirus è trasmessa dai roditori. Questa malattia si attiva dopo 1-5 settimane. Comporta affaticamento, dolori muscolari, febbre, brividi e mal di testa. A partire da dieci giorni dopo i sintomi diventano più incisivi e il soggetto comincia a presentare delle difficoltà di respirazione. Non c’è una cura per questa malattia, ma può essere di aiuto la terapia a base di ossigeno.

    8. La febbre maculosa delle Montagne Rocciose: colpevoli le zecche

    Le zecche possono causare anche la febbre maculosa delle Montagne Rocciose, che può essere considerata la malattia più letale che esista negli Stati Uniti. Si manifesta con una comparsa improvvisa di febbre, dolore e mal di testa.

    9. L’anaplasmosi granulocitica umana, trasmessa dalle zecche

    Le zecche possono trasmettere l’anaplasmosi granulocitica umana, infettando i globuli bianchi del sangue con specifici batteri. I sintomi più evidenti sono: brividi, febbre, mal di testa e agitazione.

    10. La febbre da zecca africana

    La febbre da zecca africana è causata da un tipo particolare di zecche, che appartengono ad una famiglia di insetti originaria dell’Africa. Questo però non vuol dire che non ci si possa infettare in altre parti del mondo. Il sintomo più evidente è la febbre alta, accompagnata da eruzioni cutanee e da dolori muscolari.

    856

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN InsettiMalattieMalattie rarezecche
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI