Lavande vaginali: attenzione ad abusarne!

Lavande vaginali: attenzione ad abusarne!

Attenzione alle lavande vaginali effettuate in maniera continua ed incongrua

da in Benessere, Flora Batterica, Infezioni, Salute Donna
Ultimo aggiornamento:

    Igiene intima

    Come in ogni cosa, anche l’igiene intima delle adolescenti, consistente in continue irrigazioni vaginali, andrà effettuata con giudizio, ovvero, senza superare le indicazioni previste dal fabbricante dei prodotti medici e paramedici a base di sostanze disinfettanti e non; infatti,un uso incongruo di tali preparati, soprattutto ben al di sopra dei quantitativi raccomandati, aprirebbe la strada al rischio di infezioni sessualmente trasmesse.

    A tale risultato sono giunti ricercatori americani che hanno effettuato tutta una serie di esperimenti presso l’Università statunitense di Vanderbilt,su volontari rappresentati da 368 adolescenti di età intorno ai 17 anni, che avevano già avuto i primi rapporti sessuali.

    I soggetti interessati dall’esperimento erano stati selezionati fra ragazzi che seguivano in maniera diversa la propria igiene personale intima rilevando che, fra le adolescenti che facevano uso e abuso di lavande vaginali rispetto ad altre loro coetanee che ne facevano un uso più congruo, la possibilità delle prime di rimanere vittime di infezioni sessualmente trasmesse era doppia rispetto a coloro che eseguivano tale igiene in maniera più ridotta.

    Secondo il latore della ricerca, tale professore Sten Vermund, che ha diffuso l’allarme sulle pagine dell’American Journal of Obstetrics and Gynecology, si sarebbe potuto dimostrare che le continue lavande vaginali distruggerebbero la flora vaginale e anche quei batteri fisiologici che nell’organismo umano sono deputati a contrastare le infezioni della vagina, con il risultato che in assenza di queste sentinelle naturali offerte dal corpo, la via ai germi esterni sarebbe agevolata e, dunque, si assisterebbe proprio a quelle infezioni che trovano anche nei rapporti sessuali, la miglior via d’ingresso.


    Tale risultato scientifico americano proseguirebbe un analoga conclusione cui si era già giunti in passato allorquando si era lanciato il primo allarme sulla necessità o meno di ricorrere a lavande vaginali, spesso medicate, ritenute da altri ricercatori di altre nazionalità, veri e propri fattori di rischio indotti nell’aprire la strada alle infezioni genitali.

    367

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereFlora BattericaInfezioniSalute Donna
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI