Latte cinese contaminato: indagini NAS confermano assenza dell’alimento in Italia

Latte cinese contaminato: indagini NAS confermano assenza dell’alimento in Italia
da in Alimentazione, News Salute, Primo Piano, Melanina

    Latte cinese

    A quanto pare era vero, in Italia, il famigerato latte alla melamina che ha mietuto vittime fra i bambini cinesi, non sarebbe stato commercializzato, almeno a questo risultato si sarebbe addivenuti sfruttando i normali canali commerciali per i prodotti autorizzati alla vendita nel nostro Paese. A questo punto si punta l’attenzione verso tutte quelle merci dove non è possibile il controllo se non a campione, così come è stato possibile fare su containers contenenti prodotti made in China e i pacchi postali dove non era stato fatto riferimento alcuno al loro contenuto.

    Al fine di fare piena luce sull’eventualità di un’importazione illegale di latte proveniente dal Paese asiatico, vietata da apposita Legge del 2002, per’altro, si studia una nuova certificazione che attesti in maniera in equivoca che negli alimenti venduti non vi sia alcuna possibilità che sia repertabile del latte di origine cinese.

    Tuttavia, secondo i controlli che hanno effettuato i NAS i questi giorni, su un centinaio di confezioni di latte e yogurt provenienti dalla Cina in due negozi a Milano, e circa 6 quintali e mezzo di biscotti di origine cinese, i Carabinieri hanno reso noto che, “secondo i primi accertamenti, i prodotti sequestrati non sembrano contenere melamina o altri contaminanti pericolosi per la salute pubblica”. I prodotti sequestrati, precisano i Nas, “sono stati oggetto di provvedimento di ritiro dal commercio per violazioni riguardanti l’etichettatura, le normative commerciali e la corretta conservazione igienico-sanitaria delle derrate alimentari”.

    Speriamo che i successivi controlli riportino gli stessi riscontri anche in futuro e che, soprattutto, non si abbassi mai la guardia verso un fenomeno che adesso ha suscitato grande emozione ma che domani potrebbe essere confinato nel dimenticatoio.

    312

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneNews SalutePrimo PianoMelanina
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI