Lampade solari: OMS avverte sul melanoma

Lampade solari: OMS avverte sul melanoma

Le lampade solari per i trattamenti estetici sono di nuovo al centro dell'attenzione: l'allarme lanciato dall'OMS parla sul Giornale Oncologia "The Lancet" di dati allarmanti e preoccupanti in fatto di giovani malati di cancro alla pelle a causa dell'estetica

da in Abbronzatura, Benessere, Estetica e Trattamenti, Melanoma, Primo Piano
Ultimo aggiornamento:

    Lettino Lampade Solari

    Lettino per le lampade: nuove indicazioni nel trattamento estetico delle lampade solari che vanno a interessare gli amanti della tintarella artificiale: si tratta dell’allarme lanciato in questi giorni dall’Organizzazione Mondiale di Sanità, secondo cui il ricorrere ai trattamenti abbronzanti per la tintarella, troppo spesso e con troppa insistenza è causa di incremento del tumore della pelle.

    Le notizie sono arrivate direttamente dalla Agenzia Internazionale per la ricerca sul Cancro che nei giorni scorsi ha reso noto come le lampade artificiali sono probabili agenti tossici cancerogeni per l’uomo. La IARC ha preposto le indagini sulle cause che possono scatenare il male pubblicando i risultati sulla rivista “The Lancet Oncology“.

    Passando in rassegna le cause di sviluppo del tumore vediamo che l’aumento dell’incidenza del cancro per i giovani che si sottopongono spesso al trattamento di abbronzatura artificiale è considerevole, paragonato per pericolosità ad altri agenti tossici come il tabacco, il radon, l’amianto. Non solo tumori della pelle e melanoma, ma anche forme aggressive efulminanti, che sono ancora più pericolose quanto più sono i giovani a sottoporsi. E proprio i giovani sono numerosissimi in fatto di trattamento con lampade.

    Il fototipo più a rischio è rappresentato dal “Fototipo 1″ con i capelli chiari e gli occhi chiari, ancora più pericoloso se si tratta di persone con i capelli rossi e gli occhi chiari, rientrano in questa tipologia i ceppi nordici e russi, posti alle latitudini dove meno è incidente il raggio solare in natura.

    Meno pericolo per gli originari dalle zone tropicali ed equatoriali, compresi i paesi latini e mediterranei.

    Diverso è l’approccio per chi i raggi solari è già preparato: in estetica si usa dire che fare alcune lampade prima di andare al mare aiuta per meglio rendere giustizia ai raggi solari, attenzione: “E’ una sciocchezza, una vecchia credenza” – spiega Giovanni Leone, responsabile del servizio di fotodermatologia dell’Istituto San Gallicano di Roma. La luce del sole infatti serve per aiutare la pelle a essere più resistente e protetta, sviluppa la produzione di melanina e di proteine al contrario della UVA che non serve a proteggere ma solo a rendere uniforme e colorata la pelle.

    Le nuove linee guida in fatto di trattamenti estetici saranno infatti più restrittive: più informazione corretta, accesso ai trattamenti con più rispetto per la salute e formazione scientifica in fatto di trattamenti estetici, mirata a ridurre l’approccio leggero ai servizi. Rimane da chiedersi allora come fare per introdurre un approccio che sia guidato dalla stessa scientificità nei trattamenti domestici.

    Le immagini sono tratte dal portale Miglior Scelta.it

    507

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AbbronzaturaBenessereEstetica e TrattamentiMelanomaPrimo Piano
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI