La tiroidite: come si manifesta, come curarla

La tiroidite: come si manifesta, come curarla

visita_tiroide

Ce la ritroviamo davanti al collo dunque la possediamo tutti naturalmente, uomini e donne, eppure ci accorgiamo della sua esistenza solo quando comincia a funzionare male, stiamo parlando della tiroide, una ghiandola a secrezione interna importantissima per il nostro benessere anche se, a volte, di questo importante organo si può anche fare a meno, purchè si sostituisca il suo insostituibile compito con i farmaci.

Cos’è la tiroide

La tiroide è, come detto, una ghiandola a secrezione interna ciò significa che al pari di altre ghiandole del sistema endocrino riversa i suoi ormoni all’interno del corpo; sono ghiandole a secrezione esterna invece, quelle ghiandole che agiscono riversando i loro prodotti all’esterno del corpo, ad esempio le ghiandole sebacee, sudoripare, solo per citarne due.

L’energia, questione di tiroide

La tiroide svolge l’importante compito di secernere ormoni quali la Tiroxina e la Triiodotironina, sostanze queste che regolano il dispendio di energia da parte dell’organismo intervenendo nella sua produzione e non solo, a questi ormoni è affidato anche il compito di presiedere alla crescita armonica del corpo e delle cellule che lo compongono così come, quando eravamo nel “pancione ” della nostra mamma, il nostro cervello cresceva anche grazie alla tiroide.

Gli stessi grassi del sangue vengono utilizzati nel metabolismo dell’organismo proprio grazie a questa ghiandola endocrina e con meccanismi complessi alla tiroide è anche affidato il difficile compito di presiedere alla funzionalità del cuore, al buono stato di salute della pelle, delle unghie, compreso il benessere della nostra mente. In tutto ciò gioca un ruolo fondamentale lo iodio che è un componente essenziale della conformazione degli ormoni.

Le malattie della tiroide

In questa sede parleremo della tiroidite, ma le malattie della tiroide sono molteplici e saranno oggetto di trattazione nei prossimi argomenti. Dunque, tornando alla tiroidite tale patologia fa parte di quel gruppo di malattie definite autoimmuni, intendendo con questo termine quelle patologie causate dal fatto che l’organismo non riconosce più un proprio organo come ” suo “; attaccandolo con i propri anticorpi lo tratterebbe alla stregua di un comune nemico.

La tiroidite

Dunque, una delle malattie autoimmuni più frequenti a cui va incontro la tiroide è la cosiddetta tiroidite, una vera e propria infiammazione dell’organo dovuta all’attacco dello stesso organismo, come visto in precedenza. A soffrire maggiormente della patologia sono le donne che si ammalano cinque volte di più degli uomini ad un’età intorno ai 45 anni in su, ma non mancano i casi di tiroidite giovanile.

Per completezza di informazioni diciamo che la tiroidite autoimmune è anche nota come tiroidite di Hashimoto, ciò in quanto a scoprirla fu questo medico nipponico che la descrisse nei dettagli.

Le cause della tiroidite autoimmune

Della tiroidite autoimmune non si conosce una vera e propria causa scatenante, ma come spesso accade con questo tipo di malattie croniche, la predisposizione genetica e familiare potrebbe partecipare all’esordio della malattia, senza dimenticare però che alcune malattie infettive su base virale possono essere implicate anch’esse quali cause indirette, alla stregua degli stessi fattori ambientali e ormonali che possono partecipare parimenti alla malattia stessa.

La sintomatologia della tiroidite autoimmune

Spesso il paziente per lungo tempo, pur essendo affetto dalla patologia, non ravvisa alcun cambiamento del proprio stato di benessere, è solo col tempo che intervenendo una vera e propria alterazione della ghiandola, si verifica uno squilibrio degli ormoni secreti e solo in quest’epoca il paziente è indotto a recarsi dal proprio medico per lamentare una serie di sintomi che non riesce più a spiegarsi. La stanchezza cronica e soprattutto immotivata e protratta nel tempo è il sintomo principe che il malato lamenta al proprio medico curante segno che la tiroide sta cominciando a dare i segni di un malfunzionamento essendo di fatto interessata da quello che si definisce ipotiroidismo.

Al primo sintomo è spesso associata una palese difficoltà di concentrazione, un aumento ponderale abbastanza evidente, una continua difficoltà di concentrazione con perdita progressiva della propria performance psico-fisica, compresa la sonnolenza, la pelle secca, la perdita di peli e capelli e l’alterata resistenza al freddo rispetto ad un tempo.

I sintomi sono generalmente lamentati tutti in sequenza uno dopo l’altro e difficilmente, nel caso di una tiroidite autoimmune ci si lamenta di solo uno o due di questi segni, visto che quando si giunge a lamentarsi di una sintomatologia costellata da diversi disturbi si è di fronte ad uno stato conclamato di infiammazione con conseguente riduzione di volume della tiroide stessa e perdita parziale o, addirittura totale della funzionalità dell’organo.

Diagnosi di tiroidite autoimmune

L’endocrinologo al quale ci si sarà rivolti su indicazione del proprio medico di famiglia, ravviserà l’esigenza di accertare lo stato della tiroide sottoponendo il paziente ad tutta una serie di esami ematici che consistono nella conta degli anticorpi anti-tireoglobuline e anti-perossidasi, ricordiamo l’origine della malattia autoimmune, oltre a definire altri importanti parametri circa la funzionalità della tiroide quali il dosaggio del TSH, del T3 e del T4, il tutto accompagnato da un’ecografia della tiroide che serve a delineare l’esatta morfologia e grandezza dell’organo e gli eventuali danni che abbia riportato.

Terapia della tiroidite autoimmune

Occorre dire che non esiste una cura della malattia, però si giunge ugualmente a guarigione invitando il paziente ad assumere farmaci a base dell’ormone tiroideo, tiroxina, che la tiroide non è più in grado di rilasciare come dovrebbe. Il paziente in questo modo giunge presto alla remissione dei sintomi, riprende una vita normale e, soprattutto, non dovrà ricorrere ad alcun intervento chirurgico per questo tipo di patologia.

1044

Leggi anche:Sindrome di Stoccolma: cos’è e come si manifestaInfluenza: rimedi naturali per prevenirla e curarlaSindrome di Ménière: cos’è, come si manifesta, come si curaBambini: nuovo manifesto per i prematuri

Segui Tanta Salute

Dom 01/03/2009 da in

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Rita 2 marzo 2009 17:29

Ottimo articolo nulla da eccepire

Rispondi Segnala abuso
25 settembre 2009 13:33

Eccellente e chiaro articolo.

Rispondi Segnala abuso
Mersia 30 settembre 2009 12:26

Io nelle analisi di giugno ho trovato il dosaggio del TSH:5.43-FT4:1.04-FT3:2.24,premettento che assumo eutirox 50 per 4 giorni a settimana ed eutirox 75 per 3 giorni da 5 mesi,prima usavo per 2 giorni eutirox 75.vorrei sapere se la dose che mi a prescritto l’endocrinologa in base agli esami.grazie

Rispondi Segnala abuso
26 marzo 2011 09:20

Molto chiaro ed esauriente l’articolo. Grazie.

Rispondi Segnala abuso
ALESSANDRA 28 marzo 2011 16:16

buon giorno a tutti! sono alessandra ho 25 anni e da 2 anni ormai presento l’antitireoglobuline perennemmente alto ed in continuo aumento! ho fatto in estate un’ ecografia la tiroide ha forma minimamente ingrossata e vi è la presenza di nodulini di 4/5 mm circa! l’endocrinologo continua a dire che non devo fare nulla ma io non ne sn convinta visto che ho dei sintomi persistenti che mi danno parecchio fastidio! secondo voi cosa devo fare??? attendo risposta grazie

Rispondi Segnala abuso
6 maggio 2011 15:56

ciao mi chiamo antonietta, ho 48 anni e nel 2003 ho scoperto di aver avuto una tiroidite.Da allora assumo eutirox,5 giorni da 100 e 2 da 125, ,però io credo di prendere una dose eccessiva anche se i miei esami vanno sempre bene.Che cosa mi consigli di fare?

Rispondi Segnala abuso
25 maggio 2011 18:59

salve io ho scoperto di soffrire di tiroide da 3 anni circa
ho iniziato assumendo eutirox 50 x poi 100 fino a poco tempo fa, ma dato gli ultimi esami la mia tiroide si è ammalata ancor di più e ora prendol eutirox 150 e 175 alternandoli a giorni. il medico mi ha riscontrato tramite ecografia una forte infiammazione chiamata tiroidite.. io ho 24anni e essendo sposata da circa un anno cerco di avere un bimbo il medico mi ha garantito che una volta tolta l’infezione tutto si metterà apposto e potrò finalmente realizzare il mio sogno.. un vostro consiglio sarà vero..?

Rispondi Segnala abuso
Pajtim 26 maggio 2011 14:54

Ciao a tutti io un mese fa ho scoperto di avere la Tiroide e un po mi preoccupa,il medico mi ha dato delle pastigli calmanti ma non li ho prese e non so ancora come bisogna curarla,qualcuno mi puo dire come riesco a curarla? grz SALUTI

Rispondi Segnala abuso
Carmen 4 maggio 2012 03:42

ciao rita.. lo principale e andare a un specialista di tiroide e lui ti dira li examini ke devi fare, poi seguramente ti consigliara autirox.. hai ke avere paziencia e volunta.

Segnala abuso
Angela 14 marzo 2012 18:36

soffrivo tanto ma tanto di ansia,sono andata dallo psikiatra mi ha consigliato di fare un’ekografia alla tiroide,con delle analisi.Dall’ekografia e’ venuto fuori un nodulo di 11 millimetri,le analisi sono pronte tra qualke giorno.

Rispondi Segnala abuso
Carmen 4 maggio 2012 03:37

io dopo 3anni e mezzo alla fine mia tiroide automune cronica con tre noduli inizia a funcionare.. prendo autirox da lunedi a venerdi 75mg e sabato e domenica 100mg . ho perso intre messi quassi 11killi. hai ke avere pacienzia e fare una dieta equilibrata fatta di un dietologo aposta x la tiroide, caminare almeno 1ora al giorno e tanta tranquilita..!! io al inizio ero nervosa mah adesso sto tornando come ero una volta. ciao

Rispondi Segnala abuso
Marina Popova
Marina Popova 24 giugno 2013 18:16
Seguici