Russare, si puo’ smettere con la terapia laser

Russare, si puo’ smettere con la terapia laser
da in Benessere, Estetica e Trattamenti
Ultimo aggiornamento:

    Russare

    A tutti e’ capitato di russare almeno una volta nella vita, sia per un raffreddore sia per una momentanea infiammazione alle tonsille o alla faringe, ma quando il disturbo diventa ricorrente e non dipende da uno stato temporaneo di malattia, allora si parla di vera e propria roncopatia, che sarebbe appunto la malattia del russamento. Le persone che ne sono piu’ coplite sono gli uomini in generale, le persone sovrappeso o grasse, che hanno piu’ di 40 anni.

    Esistono pero’ altre cause del russare, che sono da individuare all’interno delle cause fisiologiche, cioe’ per la struttura fisica della persona che russa, e in particolare per via di difetti o di alterazioni dell’apparato respiratorio; i problemi che possono causare una roncopatia piu’ o meno forte, sono per diffusione: la deviazione del setto nasale, le tonsille ingrossate, una lingua troppo grossa, la mandibola troppo piccola o arretrata, oppure infine i depositi di grasso sul mento.

    Il fenomeno del russare causa una respirazione fatta con la bocca, invece che con il naso, che avviene cosi’ perche’ non e’ possibile una respirazione normale a causa di impedimenti fisici. Nel momento in cui l’aria incontra degli ostacoli durante la respirazione, un rumore roco si diffonde nell’apparato stesso e il risultato e’ dato dalla russata.
    Nella russata di per se’ a tremare sono i tessuti molli dell’apparato, mentre gli sbuffi improvvisi o i fischi sono dati dall’aria in uscita che incontra degli ostacoli di muscolo e di carne che sono cioe’ i tessuti rilassati della bocca.
    A volte chi russa puo’ soffrire anche di apnee notturne, che sono un disturbo correlato alla roncopatia, che si verifica quando gli ostacoli dell’apparato respiratorio sono troppo grandi.

    Per guarire dalla roncopatia e’ possibile ricorrere a un tipo di operazione non troppo invasiva, rispetto alla terapia chirurgica tradizionale, che consiste nella terapia laser.

    I laser per la terapia sono dei laser CO2 che consentono di intervenire con precisione e sicurezza, senza causare dolore o sanguinamento della zona trattata; l’intervento viene eseguito in anestesia locale e i tempi di guarigione sono brevissimi. L’operazione si chiama precisamente uvulofaringopalatoplastica e la differenza fra questa terapia e altre terapie e’ nell’uso del laser a CO2. I tempi per la realizzazione di questo tipo di operazione variano a seconda della causa della roncopatia. Ad esempio, nel caso di una operazione plastica ai grassi del palato o una correzione del naso sono sufficenti 30 minuti di intervento. (1)

    1 Medical Laser Padova

    467

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereEstetica e Trattamenti
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI