La Tbc e il fumo causeranno, tra qualche anno, un aumento dei morti

La Tbc e il fumo causeranno, tra qualche anno, un aumento dei morti

Uno studio condotto dall’Università della California ha sottolineato l’emergenza esistente da ora al 2050 sull’aumento dei casi di tubercolosi causati dal fumo

da in Fumo, Malattie, News Salute, Polmoni, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    tbc fumo morti

    Tra circa cinquant’anni, si è calcolato, che patologie come la Tbc, e vizi come il fumo, causeranno un aumento delle morti. I dati statistici sottolineano la gravità della situazione attuale e futura, se non si prenderanno delle precauzioni. Qualche tempo fa l’Onu prevedeva che nel 2015 tra gli “Obbiettivi del millennio” vi sarebbe stato anche una riduzione dei casi di Tbc dovuti al fumo.

    In realtà, secondo uno studio condotto all’Università della California, invece che diminuire, ci sarà un aumento drastico dei casi e dei decessi. Gli studiosi presumono che nel 2050 ci saranno circa 40 milioni di morti in più, rispetto ai giorni nostri. I primi segnali di aumento si vedranno già a partire dal 2015, saranno circa 18 milioni in più le persone colpite da Tbc, causata dal fumo. Purtroppo questo vizio è strettamente collegato alla patologia, tutte le sostanze contenute nel fumo, sappiamo benissimo quanti danni causino all’organismo, ed in particolar modo ai polmoni.

    Questi organi indeboliti e malati, sono un bersaglio facilissimo dell’agente patogeno responsabile della Tbc, ed è proprio questo il motivo della correlazione.

    La tubercolosi, infezione contagiosa, può estendersi anche altre parti del corpo; comunque gli organi maggiormente colpiti, come detto sopra, sono i polmoni, con una riduzione della loro funzionalità ed una difficoltà nella respirazione come prima sintomatologia. Se non si prenderanno delle tempestive decisioni a livello internazionale sul problema del fumo, purtroppo, tra qualche anno ci troveremo con i numeri elevati visti prima.

    304

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN FumoMalattieNews SalutePolmoniRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI