Prostatite, la sindrome dolorosa del plesso pelvico

Prostatite, la sindrome dolorosa del plesso pelvico
da in Apparato genitale, Malattie, Prostata
Ultimo aggiornamento:

    prostatitecronica

    prostatitecronica

    La prostatite e’ una infiammazione della prostata, una ghiandola che e’ collocata in prossimita’ dell’apparato genitale maschile, ed e’ posta sotto la vescica. La prostata sovente puo’ infiammarsi, in particolare dopo i 25 anni e sempre piu’ frequentemente oltre i 40.

    Quando la prostatite ricorre e permane per un determinato tempo allora si puo’ cominciare a parlare di prostatite cronica, in genere si comincia a definire cronica una prostatite dopo almeno 4/6 mesi di sintomatologia, oppure dopo un ciclico ripetersi delle infezioni alla prostata.
    E’ molto importante sapere che quando si tratta di curare una prostatite cronica si dovra’ lavorare su degli uomini, che a causa della infiammazione e infezione della prostata possono avere sviluppato delle sintomatologie fisiche e psichiche correlate che non sono meno gravi della prostatite. Ad esempio si possono sviluppare delle forme di psicosi, di ansia o di fobie correlate alle funzionalita’ che una prostatite preclude, come possono svilupparsi patologie affini che dipendono da una coinfezione che colpisce anche ma non solo la prostata.
    La malattia e’ molto diffusa anche tra gli uomini che hanno dai 30 ai 50 anni, specialmente nella sua forma cronica, anche in questa fascia di eta’ sono diffuse infiammazioni con presenza di virus, o con presenza di batteri.

    La malattia si trasmette in genere attraverso contagio diretto o in seguito a una infezione dell’uretra; spesso insieme alle sofferenze dovute alla infiammazione della prostata come il calo del desiderio sessuale o il dolore, vi sono anche la febbre e la difficolta’ ad urinare, e la cura non puo’ che essere in ogni caso antibiotica.
    La prostatite puo’ evolvere o nascere direttamente nella forma cronica, il che si traduce in un cambiamento completo della vita di una persona, che dovra’ attenersi a regole ferree e con speranze non buone di guarigione.
    A causare la cronicizzazione, oltre che l’aver trascurato una semplice prostatite, ci possono essere degli stili di vita sbagliati come l’abuso di alcool, la stitichezza, l’aver praticatosport come l’equitazione, il ciclismo e la motocicletta.

    365

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Apparato genitaleMalattieProstata
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI