La Settimana Mondiale del Cervello: l’importanza di allenare la mente

Dal 12 al 18 marzo si celebra la Settimana Mondiale del Cervello

da , il

    settimana mondiale cervello allenamento mentale

    Dal 12 al 18 marzo si celebra la Settimana Mondiale del Cervello. L’obiettivo è quello di far capire l’importanza dell’allenamento mentale per proteggere il cervello e per evitare che incorra nelle malattie con l’avanzare dell’età. In tutto il nostro Paese sono stati programmati incontri, che vogliono sensibilizzare e informare sull’argomento.

    Ci sono varie strategie per provvedere all’allenamento mentale, addirittura anche delle app iPhone utili per il brain training. Inoltre è stato appurato che anche l’enigmistica può servire ad allenare la mente e a prevenire i disturbi.

    La ricerca scientifica si è spesso occupata dell’allenamento cognitivo, giungendo alla conclusione che esso è fondamentale per la prevenzione anche di patologie come il Parkinson e l’Alzheimer.

    Giancarlo Comi, presidente della Società Italiana di Neurologia, fa notare: “Riteniamo che la neurologia abbia un ruolo del tutto sottostimato nel nostro Paese, e l’obiettivo della Settimana mondiale del cervello è proprio quello di fare in modo che tutta la comunità conosca e capisca cos’è la neurologia e quali sono le patologie di cui si occupa”.

    Gli esperti chiariscono che quando parliamo di cervello tocchiamo per forza diversi concetti, come le capacità cognitive, le emozioni, l’inconscio, il pensiero razionale.

    Ecco perché è importante tenere conto di tutti questi fattori per comprendere meglio i nostri processi mentali.

    La Settimana Mondiale del Cervello sarà anche un’occasione rilevante per confrontarsi su alcuni problemi che ancora rimangono aperti, come i disturbi del sonno, i disturbi dell’umore, l’ansia, lo stress e le dipendenze.