La salute della donna favorita dagli ospedali con i bollini rosa

In Italia si pensa a garantire la salute della donna grazie anche all’iniziativa dei bollini rosa per gli ospedali che si distinguono per cure innovative

da , il

    salute donna ospedali bollini rosa

    La salute della donna in Italia è sempre più garantita grazie alla presenza degli ospedali, ai quali vengono attribuiti dei bollini rosa, come indici della possibilità di configurarsi come strutture sanitarie a misura di benessere delle donne. Il tutto rientra nell’ambito di un progetto portato avanti dall’Osservatorio Nazionale sulla salute della donna. In maniera specifica quest’anno sono stati stabiliti criteri ancora più precisi ed oggettivi per assegnare i bollini in questione agli ospedali d’Italia che assicurano alle donne opportunità di cure innovative.

    Ecco qual è lo scopo del programma dei bollini rosa, nelle intenzioni di Francesca Merzagora, presidente dell’Osservatorio Nazionale sulla salute della donna:

    “Con il programma dei “bollini rosa”, oltre a promuovere la medicina di genere negli ospedali, è possibile creare un network di eccellenza “a misura di donna” a cui le utenti possono rivolgersi scegliendo, sulla base dei servizi offerti resi visibili attraverso un canale di informazione privilegiato e trasparente, le strutture più attinenti alle proprie necessità.”

    Nonostante una recente ricerca ha messo in evidenza che la salute della donna non è tenuta molto in considerazione da parte delle donne stesse, l’opinione pubblica è ormai molto sensibile alla questione. Proprio per questo iniziative come quelle dei bollini rosa ottengono parecchio seguito.

    Nel nostro Paese possiamo contare ben 224 cliniche, che hanno almeno un bollino rosa. In particolare sono da segnalare il Reparto di Ginecologia e Ostetricia e il Centro per la cura del pavimento pelvico del Policlinico di Abano Terme.

    Esiste online la Guida Nazionale Bollini Rosa, per saperne di più sui vari servizi rapportabili ai differenti centri medici per ogni regione d’Italia.

    Foto di Paolo Margari