La musica: in adolescenza esprime la psiche

La musica: in adolescenza esprime la psiche

La musica esprime la mente e parla delle potenzialita' psicologiche dei soggetti, specie in adolescenza, per questo i medici prima di indagare la mente potrebbero cominciare a chiedere agli adolescenti che musica gradiscono

da in Adolescenti, Benessere, Primo Piano, Psicologia
Ultimo aggiornamento:

    Amore_E_Psiche

    Secondo il parere di autorevoli medici psichiatrici, che studiano il cervello delle persone e le sue reazioni, sarebbe possibile, con una osservazione minuziosa, prevenire i disturbi degli adulti valutando che cosa ascoltavano musicalmente da adolescenti.

    Prima di una visita psicologica o psichiatrica, allora, i dottori sarebbero invitati a chiedere quale musica ascoltano i ragazzi, per decidere se sono dei giovani soggetti al rischio, in fatto di suicidio, droghe, dipendenze, sofferenza psichica, oppure no.

    Piu’ semplice a dirsi che a farsi, perche’ secondo uno studio fatto dalla docente di terapia musicale “Felicity Baker”, dell’Universita’ del Queensland, che e’ stato pubblicato dalla rivista Australasian Psychiatry, ad ogni gusto e’ associato un possibile disturbo.

    Ad esempio, gli adolescenti che amano la musica pop possono essere soggetti a difficolta’ sessuali, mentre la musica rock, rap e metal porta a avere difficolta’ con le regole della prevenzione, chi ascolta la musica jazz invece e’ mediamente solitario e poco adattato alla coppia.

    Ma quante difficolta’, per una canzone: non e’ chiaro se sia il temperamento a stimolare il piacere per certi tipi di musica o se sia il condizionamento del gruppo a rendere vive certe abitudini, tutto ancora da chiarire, certo e’ che c’e’ una correlazione stretta fra la musica heavy e le droghe o il suicidio, mentre la morte e’ un mito anche per chi ama la musica gotica.


    Infine:
    techno rave per chi usa droghe e rap francese per i furti e la violenza, mentre chi ascolta la musica hip hop in genere e’ un pacificone.

    Sara’ vero?

    325

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AdolescentiBenesserePrimo PianoPsicologia
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI