La Kyminasi Diet, la dieta proteica che sfrutta le frequenze elettromagnetiche

La Kyminasi Diet, la dieta proteica che sfrutta le frequenze elettromagnetiche
da in Dieta, Dimagrire
Ultimo aggiornamento:

    Colazione

    La Kyminasi Diet è una dieta proteica innovativa, che sfrutta le frequenze elettromagnetiche per permettere all’organismo di perdere il peso in eccesso: non si tratta, quindi, di una comune dieta ipocalorica – come molte ne esistono – ma di una sorta di riprogrammazione del metabolismo corporeo, in grado di riabilitare l’organismo e permettergli di sfruttare i propri grassi in eccesso. Si è parlato di questa dieta rivoluzionaria in occasione dell’inaugurazione del Biomedic Clinic&Research, centro medico e di ricerca che sorge a Villa Guardia (CO): durante l’evento, questa nuova dieta è stata illustrata dal ricercatore che l’ha ideata, ovvero Fulvio Balmelli. Ma in cosa consiste, nel dettaglio? Scopriamo di più in merito.

    La Kyminasi Diet è una dieta diversa dalle solite diete ipocaloriche, che si concentrano solo sul conteggio delle calorie: questo nuovo modo di perdere peso consiste in una vera e propria riprogrammazione del metabolismo del corpo, che permette di riabilitare l’organismo e gli consente di nutrirsi dei propri grassi in eccesso. Il programma è stato studiato per bruciare i grassi anche nelle aree critiche del corpo, in modo tale da rimodellare la silhouette anche in quei punti in cui, generalmente, non si ottengono i risultati sperati.
    Il metodo dimagrante in questione si basa sulla biorisonanza ed è stato ideato grazie agli studi in campo biofisico del ricercatore Fulvio Balmelli, che ha dichiarato a tal proposito: «Questa dieta consiste in una rieducazione delle naturali capacità metaboliche ed assimilative del nostro corpo, senza nessuna forzatura per l’organismo a perdere i chili in eccesso. Ciò avviene attraverso una stimolazione con opportune frequenze elettromagnetiche individuate al termine di lunghe ricerche, identiche a quelle che il nostro corpo utilizza per regolare le proprie funzioni».
    Le frequenze elettromagnetiche sono utilizzate attraverso un dispositivo che insegna al corpo a bruciare i grassi in eccesso: vengono, infatti, caricate su una medaglietta che viene collocata – tramite una sorta di cerotto anallergico – sull’addome del paziente; questa medaglietta non funziona tramite batteria ma, quando entra in contatto con il corpo, è in grado di rilasciare dei dati sotto forma di frequenze che vengono riconosciuti dal corpo, il quale li adotta, quindi, come nuovi parametri di comportamento per la gestione dei grassi. Questa dieta può, dunque, essere considerata come un modo per rieducare, in modo naturale, le proprie capacità metaboliche: la stimolazione – come spiegato – avviene tramite frequenze elettromagnetiche, che sono dello stesso tipo di quelle che l’organismo utilizza per regolare le proprie funzioni.

    La prima parte della dieta prevede, ad ogni modo, un regime alimentare non particolarmente restrittivo – a parte le prime tre settimane su un totale di sei mesi, che è la durata massima del trattamento – e che include, quindi, il consumo di frutta, verdura, pesce e carne bianca: all’inizio, la Kyminasi Diet è, dunque, una dieta prevalentemente proteica.

    I casi già trattati con questo metodo dimagrante non hanno accusato il tipico senso di fame da dieta, quanto un aumento dell’energia fisica: il ripristino delle naturali capacità metaboliche aiuta, infatti, l’organismo a disintossicarsi e a seguire un’alimentazione più sana. Inoltre, passo dopo passo, saranno reintrodotti, gradualmente, tutti i cibi; sebbene, ovviamente, dovranno essere seguite alcune indicazioni per assicurarsi il mantenimento dei risultati raggiunti.

    La Kyminasi Diet – non ricorrendo ad alcun farmaco o a sostanze anoressizzanti – è adatta a tutti quelli che vorrebbero perdere un po’ di peso in tempi brevi, ma anche a coloro i quali abbiano già problemi di obesità. Per maggiore certezza, il paziente viene seguito per la durata dell’intero programma, attraverso regolari visite mediche ed esami, in modo tale da avere sempre un quadro clinico completo della situazione fisica.
    Tra i risultati straordinari di questa dieta, la tendenza a non riprendere peso e il comportamento positivo dei tessuti che, nonostante siano sottoposti a una perdita di peso repentina – già dal primo mese, è possibile perdere fino a sedici chili – non accusano cedimenti e tutto ciò perché l’organismo viene stimolato ad auto-regolarsi, in modo del tutto naturale: «Si tratta di una vera e propria procedura di rieducazione alimentare. Quando viene indotto attraverso le nostre tecniche ad effettuare una specifica funzione, infatti, l’organismo si comporta attuando una sorta di apprendimento della funzione stessa, tale per cui difficilmente in seguito andrà a ricreare i medesimi disequilibri», spiega il ricercatore Balmelli.
    Ad oggi, la Kyminasi Diet permette di perdere dai 13 ai 45 chili; mentre, la Kyminasi Mini Diet – ovvero, la versione mini della durata di tre mesi – può portare a un dimagrimento che va dai 6 a 12 chili.

    857

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN DietaDimagrire
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI