La dipendenza da internet causa depressione e aggressività

La dipendenza da internet può causare depressione, aggressività e comportamenti al rischio

da , il

    dipendenza da internet depressione aggressivita

    La dipendenza da internet causa depressione e aggressività. È questa la conclusione a cui è arrivato uno studio, i cui risultati sono stati pubblicati sul Journal of Clinical Psychiatry. Il tutto si basa sulla presa in considerazione degli adolescenti americani, ma le manifestazioni di una dipendenza dal web non sono molto differenti nelle varie parti del mondo.

    Per i ragazzi aumenta la dipendenza da internet e non è facile gestire i comportamenti dei giovani che finiscono con il restare prigionieri della rete. Spesso infatti la dipendenza degli adolescenti da internet mette in crisi i genitori, che non sanno come affrontare al meglio la situazione. I dati che sono stati considerati nella ricerca sono riferiti ai ragazzi compresi tra i 14 e i 18 anni di età. In particolare si è potuto riscontrare che è dipendente da internet un ragazzo su 25. In molti manifestano i classici sintomi da astinenza: l’impossibilità di connettersi alla rete determina ansia e malessere generale.

    Gli esperti si sono spesso chiesti come curare la dipendenza da Facebook. Ma non sembra che si sia arrivati a delle conclusioni convincenti. Il problema consiste anche nel fatto che spesso gli adolescenti non si rendono conto di avere un rapporto problematico con la rete. Eppure alcuni di loro hanno dichiarato di trascorrere anche 20 ore su internet o di essersi ritrovati a saltare la scuola proprio per restare connessi alla rete.

    Il rischio sembra essere maggiore per i ragazzi, mentre invece le ragazze sono più consapevoli dei pericoli di dipendenza ai quali possono andare incontro. In particolare, il rapporto sbagliato con internet può causare depressione, lo sviluppo dell’aggressività e la messa in atto di comportamenti a rischio, come il fumo o il ricorso a sostanze stupefacenti.

    L’obiettivo su cui puntare è quello della prevenzione. I ricercatori infatti hanno fatto notare come è essenziale avviare anche dei programmi nelle scuole, per insegnare ai ragazzi i possibili rischi a cui possono andare incontro.