La dieta Swift o dell’intestino sano per una pancia piatta in 4 settimane

La dieta Swift o dell'intestino sano ci permette di avere una pancia piatta in 4 settimane: vediamone i principi e il menu di esempio.

da , il

    La dieta Swift o dell’intestino sano per una pancia piatta in 4 settimane: scopriamo insieme come funziona. Questo tipo di alimentazione è stato definito da Kathie Madonna Swift, una nutrizionista americana, che ha dedicato all’argomento il libro “La dieta dell’intestino sano”. In questo scritto ha spiegato in che modo possiamo regolare molte funzioni dell’organismo, avendo la possibilità di dimagrire. Tutto è da rapportare al microbioma, l’insieme dei batteri del nostro intestino. In particolare acquistano valore le fibre che riusciamo ad introdurre per mezzo dei vegetali. Sono proprio esse ad alimentare alcuni batteri importantissimi per la salute del colon e del nostro corpo in generale. Secondo la nutrizionista americana, un deficit della flora batterica intestinale potrebbe aumentare le probabilità di incorrere in malattie autoimmuni e in altre patologie, come l’asma e l’eczema.

    1. Attenzione ai grassi di origine animale

    Bisognerebbe prestare molta attenzione ai grassi di origine animale, perché questi favoriscono il proliferare di batteri che possono essere anche dannosi. Sono in grado di provocare una risposta infiammatoria nel tratto intestinale.

    2. Zuccheri con moderazione

    Un altro dei principi fondamentali della dieta Swift consiste nel consumare gli zuccheri con moderazione, a vantaggio della salute. A sostegno di questa tesi ci sono vari studi. Fra questi uno compiuto dai ricercatori di Harvard, che hanno calcolato come gli individui che ricavano più del 21% dell’apporto calorico giornaliero di zuccheri aggiunti abbiano un rischio raddoppiato di morire di cardiopatia.

    3. Fondamentali i prebiotici

    Alcuni cibi sono da privilegiare. In particolare sono molto utili aglio, asparagi, avena, banane, mandorle e verdura a foglia verde. Sono alimenti ricchi di fibre, essenziali per il nutrimento dei batteri intestinali.

    4. Puntiamo sui cereali integrali

    La dieta Swift attribuisce molta importanza ai cereali integrali, specialmente quelli che non contengono glutine. Questo regime alimentare raccomanda il consumo di amaranto, grano saraceno e quinoa, che sono facilmente tollerati anche dagli intestini più sensibili.

    5. Evitiamo i carboidrati e i latticini

    La dieta Swift raccomanda di stare alla larga dai cibi che contengono carboidrati, dal latte e dai suoi derivati, che fermentano facilmente e possono causare l’accumulo di gas e gonfiore intestinale. Sono proprio questi alimenti che fermentano che possono causare alcune patologie, come la sindrome del colon irritabile o il reflusso gastroesofageo.

    6. Attenzione alla caffeina

    Non bisognerebbe assumere troppa caffeina, perché questa può sollecitare gli ormoni dello stress e influire sull’intestino. Per questo motivo nella dieta Swift è ammessa non più di una tazza di caffè al giorno.

    7. Scegliamo come dolci cioccolato e miele

    La scelta di cioccolato e miele potrebbe essere importante per la salute dell’organismo: il consumo di cioccolato fondente riduce il rischio di malattie cardiache. Il miele, inoltre, garantisce il proliferare di batteri intestinali “buoni”. Entrambi questi cibi vanno usati con moderazione.

    Il menu

    Vediamo un esempio di dieta Swift, indicando un menu-tipo da seguire, specificando alcune ricette riportate nel libro della nutrizionista americana che ha ideato questo regime alimentare.

    Colazione: 2 muffin energetici con zenzero e carote oppure un sorbetto all’arancia.

    Pranzo: 85 grammi di salmone con crauti rossi o 85 grammi di insalata di pollo con una mela, un gambo di sedano e 160 grammi di lattuga oppure involtini di pesce (80 grammi di tonno o di sardine al naturale) con verdure (2 foglie grandi di lattuga) e condimento di limone e aneto. In alternativa taboulè di quinoa (30 grammi) e lenticchie (130 grammi) con pesto di olive oppure zuppa di lenticchie (50 grammi) con carote, sedano, aglio, alloro e origano.

    Cena: 110 grammi di gamberetti al limone e aneto con 110 grammi di cavolo cinese al sesamo o 150 grammi di merluzzo all’arancia con spinaci e pomodori ciliegini oppure 110 grammi di petti di pollo alle erbe con verdure arrosto.