NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

La dieta senza glutine fa male? Perché non va fatta se non sei celiaco

La dieta senza glutine fa male? Perché non va fatta se non sei celiaco
da in Alimentazione, Celiachia, Glutine

    la dieta senza glutine fa male

    La dieta senza glutine fa male? Perché non va fatta se non sei celiaco? Ultimamente sono molto diffuse le diete che si basano sul consumo di cibi senza glutine. Poter beneficiare di un regime alimentare di questo tipo è essenziale per chi soffre di celiachia, ma non è detto che possa apportare gli stessi vantaggi anche in chi non soffre di questo disturbo. E’ stato appurato, al contrario di quanto si possa pensare, che chi segue una dieta senza glutine, pur non avendone bisogno, è esposto a vari rischi legati soprattutto all’uso dei pesticidi impiegati nelle coltivazioni di alcuni prodotti.

    I ricercatori dell’University of Illinois a Chicago hanno scoperto che chi segue una dieta a base di prodotti senza glutine potrebbe incorrere maggiormente nel rischio di contaminazione a causa di due metalli tossici. Gli esperti hanno messo in evidenza che gli alimenti senza glutine contengono il doppio di arsenico e il 70% in più di mercurio rispetto agli altri cibi. Sono state analizzate le urine di 73 persone, tutte di un’età compresa tra i 6 e gli 80 anni. Tutti i soggetti da 5 anni portavano avanti un’alimentazione priva di glutine. Nelle urine di queste persone sono stati riscontrati valori anomali proprio di arsenico e mercurio. Il problema sarebbe dovuto soprattutto ai pesticidi utilizzati per le coltivazioni e ai contaminanti industriali.

    Il glutine è una sostanza proteica, che è presente in alcuni tipi di cereali, come per esempio il grano, la segale e l’orzo.

    L’industria alimentare usa questa sostanza anche per legare insieme diversi ingredienti. Proprio per questo possiamo ritrovare il glutine anche in altri prodotti, come sughi e zuppe pronte.

    Chi soffre di celiachia, un’infiammazione cronica dell’intestino provocata proprio dal glutine, dovrebbe evitare i prodotti che lo contengono. In queste persone, se assumono glutine, si può scatenare una risposta autoimmune, che danneggia la mucosa intestinale. Le loro difficoltà si manifestano soprattutto nella digestione e possono stare male, se mangiano cibi che contengono glutine. I principali sintomi sono rappresentati da nausea, vomito, diarrea e gonfiore, oltre alla comparsa di sintomi neurologici e dermatite.

    Negli ultimi tempi le diete senza glutine si stanno diffondendo sempre di più, interessando anche quelle persone che vogliono evitare le proteine. Eppure non sarebbe proprio salutare evitare il glutine quando non si ha la necessità di eliminarlo dalla propria dieta:

    • i nutrizionisti sono convinti che la dieta senza glutine seguita dai non celiaci possa causare delle carenze nutrizionali soprattutto per i bambini, oltre che un maggiore apporto di grassi e calorie;
    • inoltre degli studi hanno messo in evidenza come il sistema immunitario e il sistema batterico dell’organismo potrebbero risultare danneggiati;
    • la dieta senza glutine per chi non ne ha bisogno non farebbe nemmeno dimagrire;
    • eliminando il glutine nel tempo l’organismo corre il rischio di non riconoscerlo più. Può quindi considerarlo un nemico e scatenare reazioni avverse, quando si riprova a consumarlo.

    639

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneCeliachiaGlutine
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI