La dieta liquida dimagrante e disintossicante: come funziona?

La dieta liquida dimagrante e disintossicante: come funziona?

Come funziona la dieta liquida dimagrante e disintossicante? Ecco cosa occorre mangiare e alcune ricette per perdere peso con successo

da in Dieta, Dimagrire

    Dieta liquida

    Come funziona la dieta liquida dimagrante e disintossicante? Questo tipo di alimentazione depurativa consiste, principalmente, nell’assunzione di zuppe, succhi, frullati, centrifugati e acqua in abbondanza: un regime alimentare di questo tipo aiuta, infatti, a disintossicare l’organismo – è ottimo per il fegato e per risvegliare il metabolismo – e a dimagrire con successo, ma è indicato anche in caso di terapie per pancreatite, bendaggi gastrici o per la preparazione alla colonscopia. Ma in cosa consiste esattamente la dieta liquida dimagrante e disintossicante? Ecco cosa occorre mangiare, alcune ricette e come funziona nello specifico.

    Prima di tutto, è bene sapere che la dieta liquida è ottima per pulire il corpo dalle tossine, grazie all’azione di verdura e frutta che proteggono dalle malattie, non hanno un grosso apporto di calorie e permettono di rigenerare l’organismo in poco tempo, aiutando a perdere peso facilmente. Ovviamente, questo tipo di dieta non può essere seguita a lungo ma, esclusivamente, per brevi periodi di tempo – massimo 3 giorni – e sotto stretto controllo medico: riducendo eccessivamente le calorie, infatti, le cellule potrebbero andare ad intaccare le proteine – dopo aver consumato le scorte di zuccheri – portando ad un dimagrimento per la perdita di massa magramuscolare – e non di grasso, come dovrebbe essere. Seguendo la dieta liquida è possibile perdere circa 2-3 chili, ma occorre prestare particolare attenzione dopo la fine della dieta: riprendendo a mangiare normalmente, si potrebbero riprendere tutti i chili persi più alcuni nuovi, mandando all’aria il lavoro fatto. Perché? Una cellula che è stata “a digiuno” pare accumuli ben dieci volte in più di grasso rispetto alla norma e questo per garantirsi una scorta in caso di necessità. La dieta liquida è, in ogni caso, un ottimo sistema per eliminare tossine, scorie ed acidi tissutali che possono rallentare il metabolismo e produrre – quando sono in eccesso – dolori alle articolazioni e ai muscoli, infiammazioni, allergie o eczemi.

    La dieta liquida va seguita già appena svegli, al mattino e comprende frullati e succhi di frutta e latte, centrifugati di verdura, acqua, , tisane, yogurt, caffè e gelato, che può sostituire il pranzo e la cena.

    Come dolcificanti e condimenti, è possibile usare lo zucchero di canna, il fruttosio, l’olio d’oliva – un cucchiaino per ogni pasto – l’aceto di mele e il limone. Da evitare assolutamente, invece, sono il sale, il dado da brodo, formaggi, salumi e insaccati, dolci ed alimenti in scatola. Indicati sono, poi, lo zenzero – in quanto potente brucia grassi, aiuto per la digestione e contro la nausea – ed il succo di ananas, che combatte la formazione della cellulite e, bevuto a digiuno la mattina, riduce il colesterolo e fluidifica il sangue. Dalla lista non possono mancare i mirtilli – combattono i gonfiori alle gambe e rinforzano il tessuto dei capillari – e le carote dall’azione antiossidante ed antinvecchiamento, ottime contro le infiammazioni come la gastrite: nel primo caso, potete bere il succo di mirtilli la mattina o lontano dai pasti; mentre, nel secondo caso, potrete consumare il centrifugato di carote come pranzo aggiungendo, magari, un cucchiaio di succo di patata, uno di succo di cavolo e un cucchiaino di polvere di zenzero. Non c’è, comunque, limite alle alternative: un medico saprà fornirvi altre valide ricette da sperimentare con successo.

    739

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN DietaDimagrire
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI