NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

La conoscenza di due lingue rende i soggetti più veloci nel prendere decisioni

La conoscenza di due lingue rende i soggetti più veloci nel prendere decisioni

Alcune zone cerebrali risultano maggiormente sviluppate nelle persone che hanno la capacità di parlare due lingue oltre a quella conosciuta sin dalla nascita, e risultano più veloci nel prendere decisioni

da in Cervello, Corteccia cerebrale, Linguaggio, News Salute, Psicologia, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    conoscenza lingue decisioni

    Un cervello allenato grazie al quale le persone riescono a prendere delle decisioni in breve tempo rispetto al normale può essere dovuto ad esempio alla conoscenza di due lingue. Essere bilingui, oltre alla lingua parlata sin dalla nascita, secondo uno studio italiano in collaborazione con Inghilterra, Cina e Spagna, allenerebbe il cervello rendendo i soggetti molto più perspicaci e veloci nei ragionamenti e nelle decisioni.

    Gli studiosi hanno eseguito una serie di analisi e di esami su soggetti in grado di parlare due lingue confrontandoli con quelli monolingui. I risultati hanno sottolineato le differenze a livello cerebrale sia fisiche che psicologiche. Nei soggetti bilingui alcune zone cerebrali responsabili della capacità di essere veloci nel prendere decisioni, risultano più estese e sviluppate.

    I ricercatori che hanno condotto lo studio appartengono all’Universita’ Vita-Salute e all’Istituto Scientifico Universitario San Raffaele, e alle Universita’ di Hong Kong, di Londra e di Barcellona.

    Le zone cerebrali che risultano più sviluppate, secondo la ricerca pubblicata sulla rivista Cerebral Cortex, appartengono alla corteccia del cingolo anteriore; questa è l’area più importante e responsabile dal quale vengono prese, in tempi brevi, decisioni e azioni. Grazie a questo ulteriore studio si è venuti a conoscenza di altre zone del cervello molto importanti per spiegare i nostri comportamenti.

    265

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CervelloCorteccia cerebraleLinguaggioNews SalutePsicologiaRicerca Medica
    PIÙ POPOLARI