La causa della ribellione va ricercata nel cervello

La causa della ribellione va ricercata nel cervello

Un recente studio ha messo in evidenza che la causa della ribellione è da rintracciare nella struttura cerebrale

da in Aree cerebrali, Benessere, Cervello, Comportamento, Psicologia, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    causa ribellione cervello

    Qual è la causa della ribellione? C’è chi è portato ad avere un atteggiamento ribelle in tutte le situazioni, c’è chi invece tende ad essere più consenziente. A quanto pare si tratta di un atteggiamento che trova le sue motivazioni nella struttura del cervello di ognuno di noi. In particolare il tutto sarebbe da rapportare alla quantità di materia grigia che è presente nella regione cerebrale chiamata corteccia orbitofrontale laterale. A scoprirlo sono stati dei ricercatori della New York University, della Aarhus University danese e del Wellcome Trust Centre of Neuroimaging dell’University College di Londra.

    Gli studiosi hanno coinvolto 28 volontari, per riuscire a comprendere che cosa spinge una persona ad essere ribelle o ad adattarsi agli altri. Si è scoperto in questo modo che il conformismo sociale o la ribellione dipendono dalla struttura del cervello.

    I ricercatori hanno ottenuto questa risposta utilizzando una tecnica di morfometria, che è stata applicata alle immagini in 3D ottenute dalla risonanza magnetica a cui sono stati sottoposti i soggetti.

    Si è così venuti a conoscenza del ruolo importante svolto in questo senso dalla materia grigia della corteccia orbitofrontale laterale di tutti e due gli emisferi cerebrali. Ecco che cosa ha affermato il coordinatore dello studio Daniel Campbell-Meiklejohn: “si apre un nuovo capitolo sulle conseguenze sociali dell’atrofia cerebrale e dello sviluppo cerebrale. Spesso, infatti, le persone con un danno all’area cerebrale individuata mostrano cambiamenti nella personalità o nel modo di interagire con gli altri“.

    281

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Aree cerebraliBenessereCervelloComportamentoPsicologiaRicerca Medica
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI