L’insonnia favorita da computer e cellulari

L’insonnia favorita da computer e cellulari

Computer e cellulari, se usati eccessivamente, possono favorire l’insonnia

da in Cervello, Insonnia, Sonno
Ultimo aggiornamento:

    insonnia computer cellulari

    Se soffrite di insonnia, provate a verificare se i vostri problemi sono determinati dall’uso di computer e cellulari. In effetti è stato messo in evidenza che l’utilizzo eccessivo di dispositivi elettronici può determinare delle difficoltà di addormentamento e dei problemi nel riposo. A dirlo sono stati gli studiosi dell’Università di Gothenburg in Svezia: i ricercatori hanno riscontrato un collegamento tra il numero delle ore trascorse su internet e le difficoltà incontrate nel riuscire a riposare bene. Tutto sta quindi nello stile di vita che riusciamo a condurre, il quale influisce in maniera determinante sul nostro riposo notturno.

    Il problema non riguarda solo gli adulti, visto che comunque coinvolge anche i più giovani. Proprio questi ultimi dovrebbero essere indotti a comprendere quali possono essere gli effetti collaterali dello stare sempre connessi. Proprio gli adolescenti molto spesso sono insonni per colpa della tecnologia attiva.

    Per i ragazzi aumenta la dipendenza da internet e le ricerche a questo proposito sono molto evidenti.

    È stato calcolato, basandosi su un campione di 4.100 persone tra i 20 e i 24 anni, che l’uso eccessivo di computer e cellulare può essere legato, oltre che a problemi di insonnia, anche a stress e a sintomi depressivi.

    Alberto Bergamin, amministratore delegato di Tempur, che si occupa del riposo, ha spiegato: “Siamo sovraesposti alle informazioni e i ritmi sono sempre più sostenuti: tutti si aspettano risposte immediate e c’è l’esigenza di essere sempre connessi. Questo causa confusione nei confini tra lavoro e vita privata. Portarsi il lavoro a casa o essere sempre reperibile a lungo andare può influire non solo sul sonno, ma anche sulla salute mentale. Essere sempre on line ha dei risvolti negativi: i messaggi inviati per posta elettronica possono essere fraintesi, la mancanza di una comunicazione faccia a faccia può favorire la solitudine, mentre “rubare” ore al sonno per lavorare o chattare può causare seri problemi, fisici e mentali”.

    Le soluzioni ci sono: imparare ad usare in modo sano la tecnologia, fare delle pause ogni dieci minuti ogni volta che si sta al computer e non ricorrere ai dispositivi elettronici nelle ore della sera prima di addormentarsi. È bene infatti consentire al nostro cervello di “staccare la spina” per prepararsi al riposo.

    Sarebbe importante inoltre non avere nella camera da letto televisore e computer, in modo che questi apparecchi non disturbino, per mezzo di luci o rumori fastidiosi, la tranquillità, garante del riposo.

    456

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CervelloInsonniaSonno
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI