L’infelicità nasce anche dalla troppa riflessione

L’infelicità nasce anche dalla troppa riflessione

L’infelicità può derivare anche da una riflessione accentuata, la quale porta ad un carico enorme di stress, che potrebbe essere evitato non pensando ossessivamente ad una decisione giusta al massimo grado

da in Benessere, Comportamento, Prevenzione, Psicologia, Salute mentale
Ultimo aggiornamento:

    infelicita riflessione

    L’infelicità può derivare anche da una riflessione accentuata, che è tipica di coloro che stanno per lungo periodo di tempo a pensare prima di arrivare a prendere una decisione. Non tutti infatti sono pronti a buttarsi in una scelta, ma c’è anche chi è ossessionato dal preoccuparsi di fare la scelta giusta a tutti i costi. Eppure non sempre la molteplicità delle situazioni della vita ci permette di confrontarci in maniera univoca con le decisioni da prendere. Per alcune persone tutto ciò può diventare un problema, che ha come conseguenza l’infelicità.

    Negli Stati Uniti è stato condotto uno studio specifico sull’argomento, guidato dal professor Joyce Ehrlinger, il quale ha messo il punto sui “maximisers”, coloro che vogliono conseguire il massimo guadagno, finendo con il vagliare in modo eccessivo la scelta e raggiungendo in questo modo livelli molto alti di stress.

    Molto differenti sono invece i risultati a cui arrivano coloro che si accontentano di decisioni non sempre ottime, ma che comunque permettono di vivere meglio.

    Lo stress incide molto sulla qualità della vita, aumentando il rischio di mortalità e inoltre ha riflessi non indifferenti sul tono dell’umore. Ecco perché il riflettere molto su una scelta da compiere può portare all’infelicità.

    Spesso non si possono valutare con certezza tutte le variabili che possono intervenire come conseguenze di una decisione, ecco perché non conviene ossessionarci troppo nel compiere una scelta risolutiva al massimo grado.

    Ne va anche del nostro benessere mentale.

    Foto di baba80

    296

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereComportamentoPrevenzionePsicologiaSalute mentale
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI