NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

L’infarto può avvenire con più facilità in certe ore della giornata

L’infarto può avvenire con più facilità in certe ore della giornata

Una ricerca americana ha messo in evidenza che l’infarto può avvenire più facilmente in determinati momenti della giornata, soprattutto dopo il risveglio oppure la sera

da in Benessere, Cuore, Infarto, Malattie, Malattie Cardiache, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    infarto ore giornata

    L’infarto può verificarsi in maniera molto più facile in determinate ore della giornata. E’ quello che hanno dimostrato i ricercatori del Baylor College School of Medicine di Houston, con uno studio, i cui risultati sono stati pubblicati su Nature. Una ricerca molto interessante, che ha chiarito le incertezze che fino ad ora c’erano su questo argomento, anche se la ricerca scientifica aveva fatto dei passi avanti molto importanti nel riuscire a stabilire una correlazione tra gli attacchi di cuore e il ritmo circadiano.

    Si è infatti visto che l’infarto è più fatale se avviene di mattina. Adesso gli scienziati americani hanno dimostrato che gli attacchi di cuore improvvisi e mortali possono avvenire immediatamente dopo il risveglio oppure la sera.

    Tutto ciò succede perché c’è un collegamento fra i processi biologici che avvengono nel nostro organismo e il rischio cardiovascolare.

    Alla base di questi processi coinvolti ci sarebbe una proteina che è chiamata Klf15.

    Questa proteina regola il ritmo circadiano, che spesso risulta insufficiente in quei pazienti che soffrono di insufficienza cardiaca. I ricercatori hanno scoperto che il rischio di aritmie cardiache è associato sia alla carenza della proteina che agli eccessi della proteina stessa.

    Xander Wehrens, coordinatore della ricerca, ha spiegato: “Questo è il primo esempio di un meccanismo molecolare per la variazione circadiana nella suscettibilità alle aritmie cardiache. Quando vi era troppa o niente Klf15, i topi erano a rischio di sviluppare l’aritmia”.

    Ad essere implicate comunque sono delle vere e proprie catene molecolari, nell’ambito delle quali la proteina Klf15 non è l’unica coinvolta, perché c’è un coinvolgimento anche di altre proteine.

    324

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereCuoreInfartoMalattieMalattie CardiacheRicerca Medica
    PIÙ POPOLARI