L’estate mette a dieta 8 milioni di italiani

L’estate è ufficialmente alle porte e ben 8 milioni di italiani cercano di correre ai ripari, scegliendo le privazioni “gastronomiche”, con diete e regimi alimentari ipocalorici

da , il

    A dieta per la prova costume 8 milioni di italiani

    Tempo di estate, tempo di vacanze, tempo di mare, ma soprattutto, per ben otto milioni di italiani, sembra essere tempo di dieta: rinunce a tavola e grandi sudate in palestra per correre ai ripari o, meglio, per eliminare i segni poco piacevoli dei bagordi invernali dal fisico e dalla linea. Ecco la fotografia fatta ai connazionali da parte degli esperti, nell’ambito del progetto Codacons-Agi denominato “Sentinelle della Salute”.

    Lo studio, che aveva l’obiettivo di monitorare le abitudini, più o meno buone, degli italiani in materia di salute, ha restituito un quadro chiaro della situazione: tra i fan della dieta in vista della prova costume si contano circa 4,4 milioni di donne e ben 3,6 milioni di uomini.

    La voglia di piacersi, di piacere e di sfoggiare una forma fisica impeccabile sul bagnasciuga non è solo un affare da donne, anzi. I più vanitosi, che seguono con maggior attenzione il regime alimentare ipocalorico in vista delle vacanze? I cittadini di età compresa tra i 30 e i 45 anni, che si aggiudicano ben il 44% del totale.

    Scende l’età e scende progressivamente l’attenzione alla dieta in preparazione dell’estate: sono solo il 29% i giovani, di età compresa tra i 18 e i 30 anni, che scelgono un’alimentazione povera di grassi, zuccheri e calorie in vista della stagione calda.

    Smaniosi di esibire corpi perfetti, ma poco attenti nella metodica da seguire per centrare l’obiettivo, almeno così sembra, visto che molti, troppi italiani non si affidano all’esperto nutrizionista o dietologo per dire addio ai chili di troppo, ma preferiscono la dieta fai da te, frutto del passa parola, delle informazione reperite in internet, da amici o conoscenti.

    Solo il 30% dei connazionali che vogliono dimagrire che, per farlo al meglio, scelgono di consultare lo specialista, un medico o un dietista.