L’amore? Coinvolge prima il sistema nervoso

L’amore? Coinvolge prima il sistema nervoso

Esiste un modo per fae le coccole nella maniera migliore? Secondo gli esperti esite: si tratta di scegliere quanta pressione fare e come farla

da in Benessere, Psicologia, Sistema-Neurologico
Ultimo aggiornamento:

    Coccole

    A identificarla e’ stato uno scienziato, che lavorando alla Unilever a un progetto di ricerca ha scoperto che esiste una fibra nervosa la quale rende piacevoli le sensazioni di contatto tra le persone. Non solo abbracci ma anche carezze, baci e coccole, che sono trasmesse con sensazioni di piacere proprio grazie a questa fibra.

    La presentazione della scoperta e’ stata fatta durante il British Association Science Festival, a Liverpool, dove e’ stata per la prima volta indicata come possibile soluzione terapeutica a crisi di dolore, di sofferenza e di tristezza: chiamata gia’ “carezzo-terapia” la “touch-care” promette di essere d’aiuto in parecchie situazioni difficili.

    Nell’esperimento e’ stata individuata anche la carezza tipo, cioe’ la migliore carezza che si puo’ fare per ottenere il risultato piu’ promettente in fatto terapeutico: la carezza che rende migliore lo stato psico-fisico del malato e’ stata perfezionata con una sperimentazione, con una macchina accarezzatrice, che ha accarezzato dei volontari, cercando di collocarne i segnali nervosi su una scala di piacere per vedere quale movimento e quale velocita’ sono le piu’ indicate per rendere perfetta la terapia.

    Secondo le risposte del sistema nervoso sono state scelte le diverse forme di coccola, con un confronto tra modo di accarezzare i soggetti analizzati hanno fornito delle preziose indicazioni; le fibre sono state chiamate “Fibre C” , agiscono quando sono stimolate, permettono cosi’ di dare segnali al cervello, che risponde con il rilascio di ormoni che leniscono il dolore.

    I nervi del cervello umano che rispondono a queste carezze sono collocati ovunque meno che sulle zone genitali, sui palmi delle mani e sotto i piedi, dove potrebbe essere rischioso in natura avere dei nervi cosi’ sensibili: la migliore carezza e’ fatta, se volete provare, premendo sul corpo con una forza di due grammi e con una velocita’ di 5 cm al secondo.

    Foto da Citta’ di Grosseto

    380

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenesserePsicologiaSistema-Neurologico
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI