Ipertensione: ridurre il rischio con fragole e mirtilli

Ipertensione: ridurre il rischio con fragole e mirtilli

Una ricerca ha fatto notare che fragole e mirtilli possono essere utili per ridurre il rischio di incorrere nell’ipertensione

da in Alimentazione, Benessere, Frutta, Ipertensione, Malattie, Mangiar Sano
Ultimo aggiornamento:

    ipertensione fragole mirtilli

    Il rischio di incorrere nell’ipertensione può essere ridotto ricorrendo alle fragole e ai mirtilli. È questa la conclusione a cui è arrivato uno studio dell’università dell’East Anglia e di Harvard. Secondo i dati forniti dagli esperti sarebbe sufficiente includere almeno una porzione di questi frutti una volta a settimana nella nostra alimentazione per ridurre il rischio del 10%.

    Le proprietà dei mirtilli sono piuttosto note. In tema di alimentazione il succo di mirtilli rossi si rivela un ottimo antibiotico naturale. I ricercatori hanno seguito per diversi anni numerosi soggetti, prendendo in considerazione il loro stato di salute e le loro abitudini alimentari. Il tutto ha portato a scoprire che esiste una stretta correlazione fra il consumo dei flavonoidi e la riduzione del rischio di incorrere nell’ipertensione. Fragole e mirtilli sono ricchi proprio di flavonoidi e lo stesso si può dire per altri cibi, come le mele, il , il succo d’arancia e il vino rosso.

    Non bisogna dimenticare infatti il legame fra alti livelli di pressione e alimentazione. A questo proposito è opportuno ricordare che anche il cioccolato è efficace contro l’ipertensione.

    Nello specifico le fragole e i mirtilli contengono una particolare classe di flavonoidi, che si chiamano antocianine. Queste hanno grandi proprietà nel combattere la pressione alta, agendo direttamente sui processi che arrivano a danneggiare l’endotelio dei vasi sanguigni.

    Ancora c’è molto da fare, prima di arrivare a delle applicazioni concrete a vantaggio della salute, ma gli esperti che hanno portato avanti la ricerca hanno spiegato:

    I nostri dati suggeriscono che un introito ragionevole di antocianine può contribuire a prevenire la pressione alta. Andranno confermati, ma sono incoraggianti soprattutto perché garantirsi un adeguato apporto di antocianine non è difficile. Le possiamo infatti trovare in molti cibi di facile consumo: mirtilli, fragole, lamponi, ribes nero, ma anche arance rosse, prugne e susine, melanzane.

    392

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneBenessereFruttaIpertensioneMalattieMangiar Sano
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI