Iperpnea: cos’è, cause e conseguenze

Iperpnea: cos’è, cause e conseguenze
da in Apparato respiratorio, Polmoni
Ultimo aggiornamento:

    Polmoni

    Cos’è l’iperpnea? Questa condizione medica ha a che fare con l’aumento della profondità e della frequenza degli atti respiratori, le cui cause e conseguenze possono essere diverse. L’iperpnea è, inoltre, generalmente, accompagnata da affaticamento e dall’aumento dei battiti cardiaci. Ma qual è la sintomatologia esatta legata all’iperpnea? Quali sono le sue cause? Quale il trattamento da seguire per poter giungere alla guarigione? Scopriamo di più in merito.

    L’iperpnea – come accennato prima – è una condizione medica caratterizzata dall’aumento della profondità e della frequenza degli atti respiratori che provocano, dunque, una maggiore ventilazione polmonare. Normalmente, la ventilazione polmonare è di circa 500 cc d’aria al minuto, in un adulto a riposo. L’iperpnea non va confusa, ad ogni modo, con la dispnea: questa è caratterizzata, infatti, da un’alterazione del ritmo degli atti respiratori con affanno e respiro difficoltoso.

    Tenendo presente che l’iperpnea può – a sua volta – essere un sintomo, questa si manifesta con l’aumento della frequenza e della profondità della respirazione, un aumento dei battiti cardiaci e affaticamento. L’iperpnea può, quindi, essere un sintomo di diversi disturbi e malattie.

    Le cause legate all’iperpnea possono essere diverse: queste spaziano, infatti, da cause patologiche a condizioni legate alle tensioni emotive e allo sforzo fisico. Le cause possono includere sepsi, sinusite, insufficienze cardiache, acidosi metabolica, scompenso cardiaco, abuso di alcol e altre patologie, per cui è bene chiedere sempre l’intervento e il consiglio del medico. Generalmente, l’iperpnea può essere provocata da stati tossici, metabolici e infettivi, oltre che da casi di tensione emotiva.

    Le conseguenze dell’iperpnea possono essere abbastanza serie, trattandosi di una condizione legata agli atti respiratori, la cui profondità e frequenza aumentano: si tratta, dunque, di un disturbo da non sottovalutare, soprattutto perché le cause possono essere importanti.

    Alla comparsa di segni e sintomi legati all’iperpnea, è bene contattare il prima possibile il medico che – tramite una serie di esami e analisi – saprà stabilire la corretta diagnosi e, dunque, la terapia adatta al caso specifico, a seconda della causa scatenante.

    Quali sono i rimedi contro l’iperpnea? La cura di questo disturbo dipende dalla causa scatenante: si tratta, quindi, di trattamenti diversi, i quali devono essere mirati alla risoluzione di questa condizione medica.

    507

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Apparato respiratorioPolmoni
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI