Iperico: a cosa serve? Proprietà cosmetiche e curative

A cosa serve l'iperico? Le sue proprietà cosmetiche e curative sono numerose. Quali? Scopriamole.

da , il

    Iperico

    A cosa serve l’iperico? Le sue proprietà cosmetiche e curative sono numerose: si tratta, infatti, di una pianta appartenente alla famiglia delle Hypericaceae – il cui nome originario è Hypericum Perforatum – ricca di benefici e proprietà medicinali utili per la salute dell’organismo. Questa preziosa pianta è anche molto bella a vedersi: vanta, infatti, dei fiori di colore giallo-arancio intenso dal buono odore e può essere trovata, in special modo, nei terreni asciutti e fino a 1600 metri di altitudine. L’iperico è conosciuto da molti secoli: anticamente, infatti, si pensava avesse poteri magici – oltre che curativi – ed era nota come “erba caccia-diavoli” – per la sua presunta capacità di scacciare via i fantasmi e gli spiriti maligni – ed “erba di San Giovanni” per motivi non chiari, dato che esistono varie interpretazioni in merito. Ma, a parte le leggende, quali sono le proprietà benefiche e terapeutiche dell’iperico? Scopriamo di più.

    A cosa serve

    Fiori di iperico

    Sono molti i benefici che l’iperico è in grado di offrire per il benessere del nostro corpo e ciò per merito di diverse sostanze benefiche in esso contenute: queste sono, infatti, maggiormente presenti nelle sommità fiorite della pianta. L’iperico può essere utilizzato sia per uso interno che per uso esterno.

    Proprietà antidepressive

    Depressione

    Per merito del suo elevato contenuto di flavonoidi e tannini, l’iperico è in grado di svolgere un’azione antidepressiva e sedativa: ad apportare questi benefici sono, soprattutto, sostanze come l’iperoside, la rutina, l’ipericina e la quercetina, che aiutano così a contrastare la depressione e gli sbalzi di umore dovuti a esaurimento nervoso, menopausa o depressione stagionale. Proprio l’ipericina è una sostanza utile per combattere anche l’insonnia, paura, disturbi nervosi, ansia, mancanza di concentrazione e altri sintomi simili.

    Proprietà cosmetiche

    Rughe

    Dalla macerazione delle sommità fiorite in olio di girasole o mandorle, è possibile estrarre l’oleolito, che è estremamente benefico per la pelle: basti pensare che può essere utilizzato contro ustioni, invecchiamento cutaneo, macchie, eritemi solari, secchezza della cute, psoriasi – anche la medicina ayurvedica può essere di aiuto, in questo caso - piaghe, cicatrici, smagliature, rughe e segni provocati dall’acne. L’iperico vanta proprietà emollienti e cicatrizzanti e può essere usato come un vero e proprio trattamento di bellezza naturale.

    Proprietà curative

    Tosse

    L’iperico può, inoltre, essere impiegato per la cura di ferite, tosse, bronchite, asma, influenza, raffreddore, cistite, disturbi renali e polmonari, gastriti, diarrea – per cui esistono anche altri rimedi naturali efficaci - e nausea: è, infatti, utile – se consumato come infuso – nel trattamento di infiammazioni di vario genere per merito delle sue proprietà antibatteriche, anticatarrali, antivirali e balsamiche.

    Proprietà antitumorali

    Cancer

    L’iperico pare abbia delle proprietà antitumorali: sono, infatti, diversi gli studi in merito circa diversi tipi di cancro.

    Tisana e infuso

    Tisana

    Per uso interno, l’iperico può essere consumato come tisana e infuso. Come? Versando, in una tazza di acqua bollente, un cucchiaio di sommità fiorite di iperico da lasciare in infusione per 10 minuti circa, prima di filtrare e bere al momento del bisogno.

    Tintura madre

    Tintura madre

    In erboristeria, online o presso i negozi che si occupano della vendita di prodotti naturali, è possibile acquistare la tintura madre di iperico: questa può essere utilizzata per uso interno, diluendone 50 gocce in un po’ di acqua da bere 1-3 volte al giorno per circa 2 mesi.

    Olio

    Olio di iperico

    L‘olio di iperico va utilizzato per uso esterno: servono 70 grammi di sommità fiorite e circa 250 millilitri di olio di mandorle; il tutto va fatto macerare per circa 6 settimane, all’interno di una bottiglia chiusa e a temperatura ambiente, prima di esporlo al sole per un giorno e filtrare. Come utilizzarlo? Applicatelo su viso e collo la sera, come trattamento antirughe o contro scottature, piaghe e ulcere.

    Controindicazioni

    Gravidanza

    Durante il periodo della sua assunzione, è opportuno evitare l’esposizione al sole e a lampade abbronzanti. Oltre a ciò, l’iperico pare diminuisca l’effetto anticoagulante del Warfarin e abbassi i livelli ematici della Ciclosporina; farmaco usato contro il rischio di rigetto da trapianti. L’iperico potrebbe, inoltre, ridurre l’effetto dei contraccettivi orali e non va assunto in gravidanza e durante l’allattamento. Altri effetti collaterali possono essere stato di agitazione, stanchezza, irritazioni gastrointestinali, allergie e intolleranze: in questi casi, va interrotta immediatamente l’assunzione e va contattato il proprio medico curante, al più presto. Infine, se si stanno assumendo farmaci di qualsiasi tipo o in presenza di allergie e intolleranze, prima di assumere dell’iperico, è bene consultare il proprio medico curante per un parere.