Invecchiamento: scoperto un enzima contro i radicali liberi

Invecchiamento: scoperto un enzima contro i radicali liberi

L'elisir della giovinezza non è più così lontano: scoperto un enzima capace di rallentare i radicali liberi, con un'alimentazione con un ridotto apporto di calorie

da in Benessere, Calorie, Invecchiamento, News Salute, Radicali liberi, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    pillola giovinezza

    L’invecchiamento è per molti un vero e proprio incubo e anche per questo la ricerca scientifica non cessa di lavorare per trovare soluzioni in grado di frenare l’avanzata del tempo. L’elisir della giovinezza non è ancora stato trovato, ma indubbiamente i ricercatori della University of Wisconsin-Madison hanno fatto un grande passo in avanti.

    Questi scienziati, infatti, sembrano aver scoperto il meccanismo di base che spiega come la restrizione calorica, ossia il seguire un’alimentazione a ridotto apporto di calorie, sia un importante fattore in grado di rallentare l’invecchiamento.

    I ricercatori, infatti, hanno studiato alcuni topi colpiti da un deficit uditivo dovuto all’età sottoposti a un regime alimentare con un ridotto apporto di calorie. In particolare si sono concentrati sullo studio dei mitocondri, considerati la fonte primaria dei radicali liberi, che a loro volta sono molecole fortemente ossidanti.


    È stato così possibile vedere che, nei topi, in condizioni di ridotto apporto calorico, aumentano i livelli di un particolare enzima, il SIRT3, che arriva ad alterare il metabolismo, consentendo di ridurre i radicali liberi prodotti dai mitocondri. L’enzima scoperto, già ribattezzato con il nome evocativo di “Dorian Gray”, appartiene alla famiglia delle sirtuine, già note per le proprietà anti-aging, ma sembra avere un effetto antietà maggiore delle altre sirtuine.

    Questo studio è la prima prova diretta di un meccanismo alla base degli effetti anti-invecchiamento legati alla restrizione calorica” spiega Thomas Prolla, uno dei ricercatori, sulle pagine della rivista scientifica ‘Cell’. Ora gli scienziati puntano ad approfondire i meccanismi dell’enzima per riuscire in futuro a ottenere davvero un farmaco antinvecchiamento, una sorta di pillola della giovinezza.

    350

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereCalorieInvecchiamentoNews SaluteRadicali liberiRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI